L’Ajax saluta il suo capitano Klaassen che, dopo un’annata al di sopra di ogni aspettativa, sbarca in Premier League per andare a rafforzare l’Everton. La sponda blu di Liverpool chiude la trattativa e strappa uno dei più promettenti centrocampisti del momento, bruciando la concorrenza e diverse società italiane tra le quali Roma, Lazio e Napoli. Grande colpo quello di Koeman che trascina in Inghilterra un altro olandese: il tecnico si rafforza in vista della prossima stagione andando a posizionare un tassello importantissimo nella rosa.

KLAASSEN: DALLE GIOVANILI A CAPITANO DELL’AJAX (a cura di Andrea Mariani)

Davy Klaassen nasce nel 1993 a Hilversum ed inizia a muovere i primi passi tra le due squadre locali HVV de Zebra’s e HVS Wasmeer tra il 1999 al 2004. L’Ajax nota subito le sue spiccate doti di regista e trequartista e decide di farlo crescere tra le proprie giovanili, le migliori d’Europa. L’olandese inizia la sua scalata fino a giungere in prima squadra con l’esordio nel 2011 dove disputerà 4 gare mettendo a segno anche un gol. La sua crescita è esponenziale, ma per la sua consacrazione si dovrà aspettare il 2013-2014 con ben 26 match sulle spalle in campionato e 10 centri che gli spianano la strada verso la fascia da capitano. L’anno successivo si conferma con 30 presenze e 6 gol in Eredivisie scatenando l’interesse estivo del Napoli che prova a prelevarlo nella sessione di mercato. I partenopei ricevono un secco “no” e il ragazzo viene incoronato capitano dei lancieri. Nelle due stagioni successive gonfia la rete in 31 occasioni con 81 partite totali (calcolando anche Europa League, Champions e coppa Nazionale). La sua particolarità principale è quella di saper caricarsi la squadra sulle proprie spalle nei momenti di difficoltà togliendo le castagne dal fuoco nei momenti più bui della stagione. Un vero leader che riesce a spronare i propri compagni verso le rimonte più improbabili con grande carisma ed eccezionali giocate. Predilige giocare da trequartista ma, con De Boer e Bosz, ha ricoperto ogni ruolo a centrocampo: bravo anche in fase di interdizione, verticalizza con velocità e grande visione di gioco servendo i laterali d’attacco o lanciando direttamente la punta di riferimento. Bravo anche negli inserimenti è l’uomo che accorre per battere a rete indisturbato. Si porta sempre sul secondo palo per portare via un marcatore e regalare chance maggiori alla fase offensiva. Un vero e proprio metronomo dotato di un bel sinistro che sa offendere sia da dentro che da fuori l’area. Una risorsa importatissima che l’Everton ha fiutato strappandolo per una somma vicina ai 27 mln di euro.

KLAASSEN, SOSTITUTO D’ORO (a cura di Ada Cotugno)

La massiccia campagna acquisti dell’Everton rivoluziona totalmente una squadra che negli ultimi anni non è mai riuscita a fare il definitivo salto di qualità nonostante ottimi elementi a disposizione, come i richiestissimi Lukaku e Barkley, le due stelle più in vista dei Toffees. Proprio l’eventuale partenza del trequartista, che ha attirato su di sé gli occhi di mezza Europa per le sue giocate ed il suo senso del gol, potrebbe essere sopperita da uno come Klaassen, un anno più grande del suo collega inglese ma con tutte le carte in regola per dare brio e dinamismo all’attacco dell’Everton. All’olandese non manca proprio nulla: reti, assist e giocate lo hanno reso uno dei pezzi pregiati dell’Ajax che potrebbe fare le fortune di una squadra come quella guidata da Koeman che ha bisogno di uomini dalla grande esperienza europea come quella di Klaassen, per fare la voce grossa in un campionato dominato dalle solite stelle. Davy non sarà il prototipo di giocatore veloce e bravo a mandare al bar i detentori avversari con dribbling spettacolari, ma i suoi piedi raffinati e la grandissima visione di gioco lo inserirebbero alla perfezione del quadro dell’Everton, alle spalle di una macchina da gol come Lukaku da innescare e mandare in rete. L’arrivo di Klaassen potrebbe essere una vera svolta per i Toffees che sembrano ormai pronti a dire la loro sia in Premier League che in Europa.