Koke, l’Atletico Madrid ha il suo fuoriclasse

“L’Atletico Madrid è la mia casa, potrei rimanerci a vita”-Koke

Giovane, di talento e con un futuro brillante: Jorge Resurreccion Merodio, meglio conosciuto come Koke, è il vero jolly del centrocampo dell’Atletico Madrid.

Solo 24 anni ma già tanta esperienza per uno dei centrocampisti più completi in Europa, il giovane spagnolo che ha giurato eterno amore alla squadra della sua città, quell’Atletico Madrid che lo ha accolto da bambino e lo ha trasformato nel tuttocampista elegante che ha conquistato subito il cuore dei suoi tifosi.

Impiegato inizialmente come regista, ruolo che lo ha portato alla ribalta nel periodo delle giovanili, Koke è diventato il vero jolly del centrocampo di Simeone, il centrocampista intelligente tatticamente e dalla grande visione di gioco capace di innescare i suoi compagni con passaggi ben calibrati.

Dal suo esordio, avvenuto il 19 settembre 2009 nella partita contro il Barcellona, Koke è entrato immediatamente fra i titolari dell’Atletico nonostante la sua giovane età, crescendo costantemente e diventando un centrocampista duttile e dal piede fatato che tutti ammirano, il maestro del centrocampo con grinta da vendere e una tecnica che lo hanno spesso accostato a giocatori come Xabi Alonso e Xavi, due suoi grandi connazionali oltre che rivali.

La sua sapienza tattica lo rende un elemento imprescindibile per una squadra che copre in maniera esemplare il campo e, affiancato da un altro elemento dal grande peso specifico come Gabi, è diventato un fuoriclasse assoluto.

In campionato Koke è uno degli assistman più prolifici, con ben 10 passaggi trasformati in goal dai compagni, al pari di Bale, Messi e Neymar, dietro soltanto ad un mostro sacro del calcio come Luis Suarez. Un bottino già sostanzioso reso ancora più ricco dai tre goal messi a segno contro Siviglia, Betis e Barcellona.

Nel delicato derby spagnolo contro il Barcellona andato in scena ieri nel prestigioso palcoscenico della Champions League, nonostante la sconfitta Koke è stato uno dei migliori giocatori in campo, regalando ai suoi tifosi una prestazione maiuscola nonché il passaggio filtrante che ha permesso a Torres di far esplodere di gioia i tifosi colchoneros presenti ieri allo stadio.

Una gara giocata a mille impreziosita dal suggerimento vincente, una prova di carattere e sacrifico: Koke è il vero leader del centrocampo colchonero.

Impostazioni privacy