L’AZ inciampa, l’Ajax non sbaglia un colpo: gli ajacidi approfittano del momento nero dei rivali e allungano in classifica tornando ad un vantaggio di 6 lunghezze. Successo importante in vista della sfida di Europa League con i sedicesimi che non devono essere sottovalutati. Ten Hag deve ringraziare i soliti veterani Tadic e Huntelaar: a rendere più corposo il risultato è Traore, trattenuto con insistenza proprio dal tecnico che si è opposto alla sua cessione in prestito.

TRAORE, TADIC E HUNTELAAR: L’AJAX ALLUNGA E TENTA UNA NUOVA FUGA

L’Ajax vince alla Johan Cruijff Arena nell’agevole match contro l’ultima il classifica: il Waalwijk non può nulla contro la capolista e si arrende ai colpi dei nemici consolidando l’ultima posizione e l’ormai vicinissima retrocessione. I gialloblu dimostrano di avere un tasso tecnico non adatto all’Eredivisie e un ritmo basso e inconsistente contro i campioni d’Olanda. I ragazzi di Ten Hag strapazzano gli avversari rafforzando la propria fiducia in vista del delicato match di Europa League che non deve essere sottovalutato per non incappare in spiacevoli sorprese.

Ad aprire le marcature è Tadic, sempre dagli undici metri e al secondo centro in due gare consecutive: nono sigillo in campionato e incontro sbloccato dopo appena 13 giri di orologio. Gli ospiti non pungono mai e Onana si rilassa in una giornata particolarmente tranquilla. Nella ripresa, su assist di Van de Beek, Traore deposita in rete il 2-0 che stende il tappeto rosso per la vittoria: l’attaccante viene posizionato al centro del reparto offensivo per sostituire l’infortunato Promes, bloccato da un fastidio muscolare. Tadic, spostato sulla destra torna alle origini insieme a Ziyech situato sul lato opposto: il risultato è ottimo con tante iniziative sulle fasce e pochissimi punti di riferimento per la difesa peggiore dell’Eredivisie (54 centri al passivo). A chiudere definitivamente i conti è Huntelaar, subentrato proprio a Traore all’ora di gioca.

Ten Hag sfrutta al massimo l’occasione servitegli dall’AZ e allunga, di nuovo, sul secondo posto: sono 6 le lunghezze di vantaggio che consentono all’Ajax di potersi concedere qualche distrazione dovuta dagli impegni della KNVB Beker e dell’Europa League. Il migliore attacco della competizione si conferma con un altro 3-0, il secondo consecutivo dopo quello rifilato in coppa al Vitesse: sono 65 le realizzazione della rosa biancorossa che non vuole fermarsi, nonostante il record dello scorso anno sia ancora lontano. Un successo utilissimo per il morale: il club della capitale non può sbagliare l’appuntamento europeo con i sedicesimi di finale.