Nella giornata di domani inizierà il torneo olimpico di calcio; quattro gironi da quattro con le varie nazionali pronte a darsi battaglia per conquistare la medaglia più importante. Una squadra che proverà ad arrivare fino in fondo è la Germania; Stefan Kuntz cercherà di bissare il successo allo scorso europeo, vinto grazie al successo in finale contro il Portogallo. Di quella rosa sono in sette ad essere stati richiamati per questa spedizione mentre tra i fuoriquota spicca, senza ombra di dubbio, il nome di Max Kruse; l’attaccante dell’Union Berlino, trentatré anni, torna in nazionale a distanza di sei anni quando Löw lo convocò per una partita di qualificazioni ad euro2016. Andiamo a vedere quali possono essere le ambizioni della nazionale tedesca.

Germania, da Kruse alla coppia Amiri-Arnold

Dopo aver trascinato l’Union Berlino alla qualificazione per la Conference League, Kruse proverà ad essere l’uomo in più della Germania alle olimpiadi; oltre al trentatreenne la nazionale tedesca ha altri due fuori quota di assoluto valore; parliamo di Amiri e Arnold. Il talento del Leverkusen potrà dare quella fantasia e quella qualità tra le linee per andare a mettere in difficoltà le difese avversarie. Per quanto riguarda il centrocampista del Wolfsburg parliamo di un giocatore che, grazie alla sua intelligenza tattica e alla sua capacità di dettare il ritmo, rappresenterà il cervello della nazionale. Dai suoi piedi passeranno tutte le azioni della Germania e la sua personalità sarà determinante nei momenti di difficoltà. A livello di esperienza, nonostante la giovane età, dobbiamo citare Dorsch, Jakobs, Maier, Pieper, Raum, Stach e Vagnoman; il fatto di aver vinto l’europeo under-21 permette a questi giocatori di avere qualcosa in più rispetto al resto della rosa.

L’esordio sarà subito piuttosto impegnativo visto la sfida con il Brasile; le altre due nazionali, Costa D’avorio e Arabia Saudita, sembrano essere alla portata della Germania. I ragazzi di Kuntz magari probabilmente non sono tra i favoriti ma, come all’europeo, proveranno a cambiare le carte in tavola.