L’Europa League è giunta alle semifinali con le quattro squadre più forti della competizione. Ad Old Trafford va in scena una sfida che, in passato, ha portato tanti dispiaceri alla Roma. I giallorossi, infatti, tornano in quello stadio dove quattordici anni fa presero sette gol in una delle serate europee più brutte nella storia del club capitolino. Dzeko e compagni proveranno a vendicare quella notte nonostante il Manchester United parta, indubbiamente, con i favori del pronostico. Sarà molto affascinante vedere il duello Solskjær-Fonseca, due tecnici costantemente in discussione ma con la possibilità di andarsi a giocare una finale europea.

Solskjær e Fonseca, allenatori in cerca di riscatto

La storia di Solskjaer e Fonseca è molto simile; tecnici costantemente criticati, poco apprezzati per gioco e soprattutto per l’assenza di trofei. Questa sera si sfideranno nell’andata della semifinale di Europa League per dimostrare le loro qualità e andarsi a giocare la possibilità di vincere un titolo. Il tecnico dello United, da quando è sulla panchina dei Red Devils, ha avuto il merito di riportare la squadra a lottare per la Premier ma soprattutto ha contribuito a far diventare Bruno Fernandes il trequartista più determinante tra i principali campionati europei. L’anno scorso il cammino del Manchester si fermò proprio in semifinale contro il Siviglia; quest’anno l’obiettivo è arrivare in fondo.

Fonseca, da quando è a Roma, non ha mai trovato il pieno consenso di tifosi e stampa; allenatore sicuramente con dei limiti (in due anni la squadra ha faticato tremendamente negli scontri diretti) ma anche con alcuni alibi tra cui i tanti infortuni che hanno tolto al tecnico la possibilità di gestire al meglio la rosa. In Europa, però, si sta togliendo delle soddisfazioni anche se l’obiettivo è quello di arrivare in finale; per farlo bisogna preparare perfettamente i centottanta minuti contro lo United a partire dalla gara di Old Trafford, l’occasione per prendersi una bella rivincita.