Da questo derby era lecito aspettarsi di tutto, ma forse non il gol decisivo di Arthur Masuaku a tre minuti dalla fine: con una parabola da fuori area, un gol della domenica (o per meglio dire un cross calibrato male) che ha colto di sorpresa anche il preparatissimo Mendy, è stato proprio il terzino a regalare tre punti pesantissimi al West Ham nel derby contro il Chelsesa, una squadra infallibile fermata nel modo più assurdo che ci sia.

Il francese naturalizzato congolese non è tra i volti più conosciuti nel calcio di Londra e si è ritrovato in partita quasi per caso alla fine del primo tempo. Senza Cresswell, assente per il bruttissimo infortunio alla schiena rimediato contro il Manchester City, e con Benjamin Johnson costretto ad alzare bandiera bianca al 45′ l’unica alternativa per Moyes è stata quella di buttare nella mischia Masuaku. Dal suo approdo in Inghilterra non è mai riuscito a conquistare un posto da titolare nel West Ham, soprattutto a causa degli infortuni che ne hanno condizionato tutta la carriera. L’ultimo, il più grave, lo ha tenuto dal campo per quasi 100 giorni al seguito di una dolorosa operazione al ginocchio, necessaria però per non fare sempre spola tra campo e infermeria.

Photo by Julian Finney/Getty Images

Insospettabile quindi che diventasse proprio lui l’eroe degli Hammers in una partita così delicata dove a prendersi la scena da copione sarebbe dovuto essere il Chelsea, avanti prima con il gol di Thiago Silva e poi con la perla al volo di Mason Mount. Ma neanche la magia del giovane inglese è bastata per evitare la sconfitta più surreale di tutte: il rigore di Lanzini, il gol di Bowen e infine il colpo tirato fuori dal cilindro da Masuaku spostano il derby dalla parte degli Irons.

A rendere il tutto ancora più bizzarro è il fatto che il terzino nelle sue 96 apparizioni in Premier League non aveva mai segnato un gol prima d’ora, segno che forse era davvero destinato a risolvere una delle partite più sentite della stagione in un momento cruciale per il West Ham che rischiava seriamente di abbandonare la zona Champions League dopo un ottimo avvio di campionato. Destino o fortuna, Masuaku resta il particolare eroe del giorno, l’insospettabile che dopo un lunghissimo calvario ha finalmente ritrovato il sorriso e anche un posto da titolare in questa squadra.