Milan, 100 milioni di euro per Fonseca: ecco gli obiettivi dei rossoneri

Da Zirkzee a David per l’attacco, fino a Fofana per il centrocampo e Igor per la difesa centrale. Senza tralasciare almeno un terzino destro

Scelto l’allenatore, Paulo Fonseca, e in attesa dell’ufficialità del tecnico portoghese, che lascerà così il Lille, il Milan si prepara a guardare al futuro. La campagna acquisti, in primis il centravanti, non si può sbagliare. In via Aldo Rossi sono ormai consapevoli che il gap con l’Inter va colmato. La tifoseria ha chiuso la stagione arrabbiatissima dopo l’eliminazione nei quarti di finale di Europa League contro la Roma. Quindi, sulla sponda rossonera del Naviglio tutti sperano di vivere una buona estate. Nei corridoi della società pensano al nuovo centravanti, ma puntano a ingaggiare un difensore centrale, un terzino destro e un centrocampista difensivo (quest’ultimo ruolo è quello che manca nella rosa milanista). In sostanza, un budget da 100 milioni di euro.

Zirkzee
Zirkzee | ansa @Michele Maraviglia

La qualificazione alla Champions e i riscatti dei prestiti (De Ketelaere a 22 milioni più bonus su tutti) compongono la quota principale del tesoro di Casa Milan. Che potrà essere ancora più prezioso. Prima, però, il club di via Aldo Rossi dovrebbe privarsi di uno dei gioielli della squadra. L’indiziato è Theo Hernandez, che nella lista degli addii sembra aver superato Maignan. Il portiere francese sembrava destinato al Bayern Monaco, ma la pista tedesca si è raffreddata nelle ultime settimane. Da qui tutto porta a Theo Hernandez. Che lascerà il Milan per una cifra vicina agli 80 milioni di euro.

Manovre in attacco

L’attacco è il reparto nel quale il Milan dovrà spendere più soldi. Si punta a prolungare per un’altra stagione il contratto di Jovic, che non ha fatto malissimo in questa annata una volta che è riuscito a sbloccarsi sotto rete. In sostanza, per accordi precedenti, il club può spostare la scadenza contrattuale di una stagione, quindi fino al giugno 2025, anche senza l’ok del giocatore: in questo caso Milan e Jovic sono più che felici di proseguire insieme. Poi non bisognerà sbagliare il centravanti. Il grande sogno resta Zirkzee. Per lui, al di là di presunte clausole dalle presunte durate, non si può spendere meno di 50 milioni di euro. L’olandese piace a mezza Europa, per lui non sarebbe un problema restare in Italia. Anzi, è un campionato che conosce e con la maglia del Bologna ha dimostrato di sapersi ben ambientare.

Ci sono le alternative. In questi giorni sono girati i nomi di Guirassy dello Stoccarda (si compra per 17 milioni di euro) e David del Lille. Il primo, però, preferisce la Premier (ed è una cosa nota), ma piace anche al Borussia Dortmund. È il club tedesco, più di altri, il vero rivale in questa trattativa. Invece il canadese ritroverebbe Fonseca in rossonero. Non gli dispiacerebbe indossare la maglia del Diavolo. Ma anche su di lui – la valutazione è di 35-40 milioni di euro – è elevata la concorrenza. Pare, però, essersi raffreddata la pista Napoli. Con l’avvento di Antonio Conte, che sarà ufficializzato in questi giorni, Aurelio De Laurentiis è pronto a portare in azzurro Lukaku, l’uomo che il nuovo tecnico ha rivitalizzato nel primo biennio interista. Infine, l’ultimo nome (ma è soltanto un’idea, non ci sono mai stati contatti) è Gyokeres dello Sporting Lisbona.

La situazione per il centrocampo

Dall’attacco al centrocampo. Anche questo reparto va sistemato. Soprattutto perché serve un giocatore capace di fare muro alla difesa. Che sappia aiutare la squadra in fase di non possesso. Insomma, l’identikit individuato in via Aldo Rossi corrisponde a Fofana del Monaco. Ha aiutato il suo club a difendere (e, quindi, conquistare) il secondo posto in Ligue 1 alle spalle del Psg. Ha giocato 32 gare e la sua stagione non è finita qui: è nella lista dei convocati del c.t. francese Didier Deschamps per l’Europeo.

Proprio per questo, il Milan sta cercando di muoversi in anticipo. Anche perché la manifestazione continentale, che inizierà in Germania tra due settimane (e l’Italia di Luciano Spalletti dovrà difendere il titolo vinto nel 2021 a Wembley, ai rigori contro l’Inghilterra), potrebbe far lievitare il prezzo di Fofana. La richiesta, al momento, è di 25 milioni di euro. Ed è fattibile per il Milan. Inoltre, cosa non da poco, il calciatore piace anche a Fonseca, un allenatore abituato a giocare con il 4-2-3-1 o 4-3-3, che può cambiare in 4-1-4-1.

Questione difesa

Infine, la difesa. Il Milan, come detto, cerca un difensore centrale e un terzino destro. Anche perché quest’anno quello è un reparto che è crollato molte e molte volte. Va risistemato, va ricostruito, va ricreato. Insomma, serve solidità e dalle parti di Milanello ne sono consapevoli. Il nome sul taccuino della dirigenza rossonera è Igor, ex Spal e Fiorentina, che attualmente gioca in Premier, al Brighton. Gli inglesi lo hanno acquistato per 20 milioni di euro (bonus compresi) la scorsa estate. E 20 milioni è proprio la cifra che chiede l’ex squadra di Roberto De Zerbi per dirgli addio. C’è poi da intervenire a destra con un terzino che possa giocarsela con capitan Calabria. Due le possibili soluzioni. La prima: Emerson Royal, 25 anni, attualmente al Tottenham. In carriera anche Ponte Preta e Atletico Mineiro, in Brasile, poi Betis Siviglia e una breve storia al Barcellona. Emerson occuperebbe un posto da extracomunitario, ma sono altri i dettagli su cui si focalizza il Milan.

Igor, Brighton
Igor, Brighton | ansa @Fabio Frustaci

L’ostacolo sono i 30 milioni di euro che chiedono gli Spurs. Decisamente troppo per le casse del Diavolo. Da qui le alternative. Su tutti quella di Tiago Santos, classe 2002, del Lilla. Ha una valutazione di 10-12 milioni e il vantaggio di essere già stato allenato da Fonseca. Inoltre, il tecnico avrà un’altra missione: rigenerare Rafael Leao. Fargli ritrovare il sorriso e la voglia di giocare. Fargli capire che in una squadra come il Milan ci vuole continuità. Anche perché senza le magie del portoghese, difficilmente il Diavolo riuscirà ad avere creatività e, soprattutto, imprevedibilità. Ma lavorandoci, Fonseca può permettere a Rafael Leao di fare il definitivo salto di qualità. Prendersi sulle spalle il Milan come ha già fatto nella cavalcata dello scudetto, il 19° della storia rossonera, del 2022. Sarà la sua rinascita la chiave per cercare di far abdicare l’Inter e festeggiare la seconda stella.

Impostazioni privacy