Mls è tempo di All-Star Game

Ieri notte durante la pausa tra il primo ed il secondo tempo della partita tra Montreal Impact e New York City FC è stata resa nota la rosa dei 26 calciatori che prenderanno parte al prossimo MLS All-Star Team. Un match molto sentito dai tifosi del calcio a stelle e strisce e che vedrà i migliori calciatori della Major League Soccer sfidare l’Arsenal il 28 luglio presso la fantastica cornice del Avaya Stadium casa dei San Jose Earthquakes.

Come da tradizione undici calciatori sono stati direttamente selezionati dai tifosi tramite una votazione sul sito della MLS, mentre gli altri 15  sono stati convocati dal tecnico della squadra che ospita l’esibizione, in questo caso Dominic Kinnear.

Le convocazioni di Kinnear hanno creato numerose polemiche fra i tifosi della massima lega americana, ad esempio fa parecchio discutere che soltanto tre calciatori siano stati precettati dalle fila dei FC Dallas e dei Colorado Rapids, le due squadre che hanno totalizzato sino a qui più punti in campionato. Mentre fra i nomi celebri esclusi fa rumore quello di Diego Valeri, a cui i tifosi hanno preferito Ricardo Kakà, convocato più per fama che per meriti sportivi, dato che in questa stagione è sceso in campo solo 9 volte a causa dei continui acciacchi.

Dominic Kinnear è stato inoltre tacciato di aver fatto clamorose scelte pro-Earthquakes e di contrasto anti-LA Galaxy, la rivalità fra le due franchigie californiane è molto sentita. Il mister ha infatti scelto come portiere di riserva il David Bingham, posto che sarebbe spettato a Bill Hamid che sta facendo una grandissima stagione con i DC Uinited, e porterà al All-Star Game anche Chris Wondolowski, che non è esattamente in un momento di forma esaltante, mentre i Galaxy avranno per la prima volta un solo calciatore convocato, Dos Santos.

Dai nomi selezionati si evince che Kinnear ha voluto scegliere calciatori americani nati e cresciuti in MLS lasciando fuori gente del calibro di Gerrard, Lampard, KeaneBradley  anche se non mancano i campioni provenienti dal calcio europeo come Giovinco, David Villa, Drogba e Pirlo. 

L’All Star Game è giunto ormai alla sua undicesima edizione, ispirato chiaramente agli eventi dello stesso tipo delle altre leghe professionistiche americane come NBA e MLB, nelle sue prime edizioni vedeva contrapposte le selezioni della  Eastern Conference e della Western Conference, e così è stato salvo alcune eccezioni fino al 2005, data dalla quale le selezione dei migliori giocatori della MLS sfida un club europeo, solitamente di Premier League, ma ricordiamo ad esempio la partecipazione vittoriosa della Roma nel 2013 con Florenzi eletto MVP.

La rosa dei 26 calciatori che prenderanno parte al prossimo All Star Game:

Portieri

Andre Blake (Philadelphia Union), David Bingham (San Jose Earthquakes)

Difensori 

Matt Besler (Sporting Kansas City), Laurent Ciman (Montreal Impact), Keegan Rosenberry (Philadelphia Union), Brandon Vincent (Chicago Fire), Liam Ridgewell (Portland Timbers), Steve Birnbaum (DC United),Kendall Waston (Vancouver Whitecaps), Andrew Farrell (New England Revolution)

Centrocampisti

Kakà (Orlando City SC), Darlington Nagbe (Portland Timbers), Andrea Pirlo (New York City FC), Giovani Dos Santos (LA Galaxy), Mauro Diaz (FC Dallas), Kyle Beckerman (Real Salt Lake), Jermaine Jones (Colorado Rapids), Wil Trapp (Columbus Crew SC), Sacha Kljestan (New York Red Bulls), Ignacio Piatti (Montreal Impact)

Attaccanti

Didier Drogba (Montreal Impact), Sebastian Giovinco (Toronto FC), David Villa (New York City FC), Cyle Larin(Orlando City SC), Clint Dempsey (Seattle Sounders), Chris Wondolowski (San Jose Earthquakes)

Impostazioni privacy