Nuovo caos Inter, possibile penalizzazione: è un vero dramma

Nuvoloni all’orizzonte dei neocampioni d’Italia: rischio penalizzazione per l’Inter per i dubbi sul passaggio di proprietà

Il passaggio di proprietà dell’Inter da Suning al fondo statunitense Oaktree continua a far discutere dopo i dubbi, espressi da più parti, sul suo effettivo perfezionamento. Il fondo ha riscosso il debito dopo il mancato pagamento del debito da parte di Steven Zhang.

Inter, rischio penalizzazione
Inter, dubbi sul passaggio di proprietà: rischio penalizzazione (Ansa)-footbola.it

Tutto ruota attorno alla partecipazione azionaria minoritaria, pari al 31.05%, detenuta da LionRock, fondo con sede a Hong Kong, e che, secondo quanto scritto dal portale Dagospia, non era stata acquisita dalla società lussemburghese Great Horizon, uno degli ‘anelli’ della catena di ‘scatole cinesi’ (è proprio il caso di dirlo) che controllava l’Inter, fino a pochi giorni prima dell’escussione del pegno da parte di Oaktree per il mancato rimborso del prestito da 275 milioni di euro (lievitato a 380 milioni per gli interessi al 12%).

Se quanto rivelato da ‘Dagospia’ trovasse riscontro nella realtà, si configurerebbe una grave violazione delle NOIF: la mancata comunicazione della variazione della compagine societaria in seguito a trasferimenti di quote superiori al 10%. Dunque, nuvoloni si addensano all’orizzonte dei freschi campioni d’Italia, con i tifosi nerazzurri che sono comprensibilmente preoccupati.

Ma cosa sta succedendo e cosa rischia l’Inter? Ebbene, per rispondere a tali quesiti e dissipare tutte le ombre su una vicenda che presenta non poche opacità TvPlay ha interpellato uno dei massimi esperti di diritto sportivo, l’avvocato Felice Raimondo.

Penalizzazione Inter, arriva l’annuncio in diretta

Innanzitutto, l’avvocato Raimondo non ritiene che a oggi sussistano i presupposti per un’inchiesta sull’Inter: “Abbiamo un sacco di indizi ma non ci sono prove. Motivi validi per avviare un’indagine non credo ci siano, per me non accadrà. Ovviamente i concorrenti sono legittimati a chiedere chiarezza”.

Chiarezza che, secondo l’esperto di diritto sportivo, va fatta sulla tempistica del passaggio delle quote azionarie: “Quando è avvenuto questo passaggio tra LionRock e Great Horizon? Quando Great Horizon ha acquisito il controllo della proprietà di LionRock? Queste sono le domande che ci poniamo anche per capire se queste comunicazioni eventualmente siano state fatte alla FIGC“.

possibile penalizzazione Inter
l’Inter rischia grosso (LaPresse)-Footbola.it

Infatti, non esistono documenti che comprovino l’avvenuto trasferimento dal momento che Great Horizon ha pubblicato i bilanci fino al 31 dicembre 2021. Per cui “sicuramente fino a questa data non c’è stata alcuna acquisizione, quindi sicuramente il tutto è accaduto dopo ma, ripeto, non sappiamo la data”.

Un vero rebus, con l’Inter che in caso di mancati riscontri della transazione tra LionRock e Great Horizon potrebbe essere sottoposta a indagine dalla magistratura ordinaria e da quella sportiva per la violazione dell’articolo 20-bis delle NOIF, che regolamenta le partecipazioni azionarie, e di due articoli del Codice di Giustizia Sportiva (31, 32) che fanno riferimento a illeciti amministrativi. La società, nel caso, rischierebbe sanzioni in via oggettiva come, per esempio, ammende o punti di penalizzazione“. Insomma, i tifosi nerazzurri non possono dormire sonni tranquilli.

Impostazioni privacy