Palace-Arsenal finisce 2-3, doppietta per Sanchez

Una doppia prodezza del Nino Maravilla permette all’ Arsenal di agganciare nuovamente al quinto posto i cugini del Totthenam.
In uno dei dieci possibili derby londinesi in Premier buona prova per i Gunners, che pure hanno tremato in un paio di momenti della gara, segnatamente a seguito delle reti del Crystal Palace.

L’Arsenal parte leggermente meglio dei padroni di casa, che pure non concedono facilmente il fianco agli avversari. La prima chance del match nasce da un tiro alto di poco di Xhaka al 9’, a cui replica Cabaye per il Palace al 15’.
Nella circostanza la sfera ha fatto la barba al palo della porta di Petr Cech.
Il gol che sblocca la situazione arriva al 26’, grazie ad un Mustafi abile a raccogliere la corta respinta di Speroni su un tiro di Lacazzette.
In chiusura di frazione doppia chance per Lacazzette, che non riesce a concretizzare di pochi centrimetri prima e dopo a causa del fatto di aver perso l’attimo propizio sull’assist di Ozil.

La ripresa si apre con il pari dei ragazzi di Hodgson, che concretizzano con Townsend tramite una bella girata dello stesso ex Totthenam, bravo a farsi trovar pronto sul traversone basso di Zaha da sinistra.
Poi sale in cattedra il cileno, che al 63’ calcia dalla lunga distanza e batte un ancora poco convincente Speroni. Tre giri di lancetta e l’ex Barcellona completa l’opera, chiudendo il match grazie ad una conclusione venuta di conseguenza ad uno stop bellissimo. Ottimo anche il pallone scodellato da Jack Wilshere, forse il migliore in questa stagione per i Cannonieri.
Sembrerebbe chiusa la gara a questo punto, con Sanchez e compagni che si mostrano in un controllo sostanzialmente totale della situazione.
A un minuto dal 90’, però, nuovi brividi per i biancorossi, che subiscono il 2-3 in virtù di un colpo di testa da centro area di Tomkins.
Nei quattro minuti di extratime poco da segnalare, con le telecamere che a fine gara inquadrano un felice e soddisfatto Sanchez.

La speranza di Wenger, ora, è che Alexis riesca a compiere un ulteriore step di maturazione che nell’ultimo periodo era sembrato mancargli. Se la continuità lo assisterà, infatti, l’Arsenal potrà disporre di un’arma importantissima nell’ambito della rincorsa alla Champions League.

Impostazioni privacy