Non è un momento facile il casa Boca, anzi, probabilmente è il più difficile degli ultimi due anni. Il Bombonerazo di Copa Liberatdores ha avuto effetti collaterali pesanti e le voci sugli addii di Tevez e Lodeiro hanno destabilizzato un ambiente che ha saputo riporre le sue speranze solo nel giovane Pavon.

Cristian Pavon ha 19 anni e gioca assieme a tanti campioni eppure è lui il nuovo idolo dei tifosi xeneizes. L’affetto se l’è conquistato sul campo dimostrando di essere oltre che un talento dagli ampissimi margini di miglioramento anche un perfetto uomo in stile Boca.

Il gol nel Superclasico di un anno fa lo aveva messo in copertina, le prestazioni in questa Copa Libertadores lo hanno fatto entrare nel cuore dei tifosi del Boca e blindato nell’elenco dei titolari di Guillermo Barros Schelotto.

Per il 4-3-3 del Mellizo la sua funzione è essenziale: fa bene la fase difensiva, in maniera eccellente quella d’attacco. Ha la capacità di calciare da qualsiasi posizione, di saltare l’uomo e di inventare la giocata che in pochi possono vantare. Ha solo 19 anni ma sembra che giochi da una vita: le squadra hanno preso le contromosse in formazione su di lui e non su Carlos Tevez e vedendo le partite si capisce anche il perché.

Nei tanti sondaggi fatti ai tifosi del Boca su chi fosse il calciatore su cui costruire la prossima squadra il suo nome è stato quello più gettonato. Sarà l’età, sarà per un anno fantastico oppure per quel tipico atteggiamento bostero di campione nato in mezzo alla gente che alla Bombonera piace tanto.

Da quelle parti si ha sempre bisogno di un idolo  e visto il futuro incerto delle due stelle principali della squadra il cuore dei tifosi si sta lasciando sedurre da questo giovanissimo talento.

È chiaro che se dovesse continuare così forte anche lui avrebbe un biglietto per l’Europa prenotato ma per ora il vero beniamino è lui. Nei momenti migliori della squadra è emerso, in quelli peggiori è stato l’unico a trovare colpi da campione.

Una costante nel nuovo Boca dei mellizos, un nuovo idolo per i tifosi azul y oro che se dovessero veder partire sia Tevez che Lodeiro saprebbero su chi riporre le proprie speranze.