Conference League che sorride al Feyenoord che travolge gli svedesi dell’Elfsborg calando un pokerissimo che blinda la qualificazione alla fase a gironi della competizione: grandissima prestazione di Sinisterra, autore di una tripletta. Discorso diverso per il Vitesse che fatica con l’Anderlecht, avversario nettamente più ostico: i gialloneri potevano chiudere anche con un successo, peccato per gli ultimi minuti dove è avvenuto di tutto, compreso l’errore dal dischetto dei belgi.

FEYENOORD FORZA 5: VITESSE FORTUNATO E SPRECONE

Feyenoord
PUBLICATIONxNOTxINxSWExNORxAUT Copyright: KayxintxVeen BB210819BB173

Partiamo proprio dalla formazione che ha stravinto in questo turno di andata dei playoffs di Conference League: il Feyenoord non fa prigionieri e dilaga al De Kuip con una prestazione sopra le righe. Elfsborg viene letteralmente asfaltato per 5-0 con i Rotterdammers cinici, padroni del campo e in modalità schiacciasassi. Slot ha veramente impressionato per come è riuscito a entrare subito nella testa dei suoi ragazzi soprattutto dopo l’avvio incerto contro il Drita. Da quel momento in poi un cambio incredibile: il Feyenoord ha messo la quinta e non si è più fermato dimostrando di avere una rosa competitiva in questo inizio di stagione. Il vero mattatore dell serata è Sinisterra, autore di ben 3 reti che gli hanno permesso di portare il pallone a casa: 5° centro in 6 partite ufficiali (5 di Conference e una di Eredivisie). Ad unirsi alla festa sono anche Linssen e Jahanbakhsh: una menzione particolare anche a Toornstra che ha regalato ben 2 assist vincenti. Un gioco preciso e letale che spedisce i biancorossi olandesi già alla fase a gironi della nuova competizione europea nonostante ci sia da giocare ancora il ritorno. Unica nota negativa? L’espulsione diretta di Bijlow che poteva essere assolutamente evitata.

Discorso diverso per il Vitesse che non riesce a seguire le orme del Feyenoord e si blocca sul 3-3 contro l’Anderlecht dopo aver

Vitesse
DAVIDxPINTENS PUBLICATIONxINxGERxSUIxAUTxONLY x3065535x

giocato una gara a ritmi elevati. I gialloneri di Arnhem hanno anche rischiato di vincere, ma sono stati beffati e graziati nel finale di gara. La mano di Lestch inizia a vedersi anche con i nuovi arrivi e a beneficiarne è tutta la rosa che prova ad alzare l’asticella e a combattere in partite che, lo scorso anno,avrebbero messo in netta difficoltà la società. Il primo tempo è in mano ai belgi che passano per ben due volte in vantaggio, vanificando il momentaneo pari di Dasa. Nella ripresa, gli olandesi cambiano passo e ribaltano il risultato con Tannane e Frederiksen portandosi sul 2-3. L’Anderlecht esce e tenta il tutto per tutto con un forcing finale che porta i suoi frutti: il pari giunge proprio al 90′ con Verschaeren. Quando sembrava finita, ecco l’ingenuità della difesa del Vitesse che regala un rigore agli avversari: dal dischetto si presenta Refaelov che calcia con potenza e spacca la traversa facendo sfumare i sogni di vittoria dei padroni di casa. I gialloneri tirano un sospiro di sollievo, ma portano a casa un grandissimo risultato che tiene apertissima la qualficazione alla fase a gironi: servirà più attenzione e più ritmo per evitare anche i numerosi cartellini gialli rimediati, ben 8 al triplice fischio.