Si arresta il momento positivo dell’Ajax con la sconfitta contro l’Utrecht: impresa per gli uomini di Hake che si impongono di misura alla Johan Cruijff Arena. Ten Hag punta sul turnover per far riposare gli uomini che hanno giocato di più tra campionato e Champions: le risposte, però, non sono positive con il primo ko in Eredivisie e il primo gol incassato tra le mura amiche, nonostante la difesa resti la migliore del torneo. Un passo falso prima della sosta per le nazionali: i campioni d’Olanda non sono nuovi a questo tipo di sconfitta.

L’UTRECHT SGAMBETTA L’AJAX: TEN HAG CROLLA DAVANTI AI SUOI TIFOSI

Un buon Ajax viene punito da un Utrecht più cinico e preciso: gli ospiti della Johan Cruijff Arena provano a rispondere colpo sul colpo e, nella ripresa, riescono a strappare il successo con in gol corsaro che porta il nome di Warmerdam. Il difensore è il nuovo eroe di giornata con una rete pesantissima, più importante di quello che si creda: il ragazzo sigla il suo primo centro con la maglia dei biancorossi, al suo secondo anno dopo la lunga militanza del Groningen.

Oltre a questo, Warmerdam, permette all’Utrecht di infliggere il primo ko in campionato ai campioni d’Olanda che devono rallentare la loro marcia con il Feyenoord che rischia seriamente di entrare in corsa come vera outsider per il titolo. Il Psv ha l’occasione di accorciare il gap e tutto questo prima della sosta per le nazionali, momento che ha sempre giocato brutti scherzi all’Ajax che non è nuovo a questo tipo di cadute, come era già successo negli anni precedenti, prime dei classici stop di ottobre e novembre. Gli ospiti espugnano Amsterdam e violano quella porta che, al momento, non aveva ancora visto il proprio portiere battuto da inizio torneo. Sicuramente, anche il turnover ha creato qualche problema di troppo: il tecnico olandese ha tenuto in panchina Klaassen e Antony, gli uomini più in forma ed imprevedibili della squadra. La manovra offensiva è stata troppo banale, nonostante la presenza di Neres e Tadic, un po’ sottotono e bisognoso di riposo. L’Utrecht si è posizionato perfettamente per tutti i 90 minuti, non si è mai sbilanciato, ha rischiato pochissimo e, alla fine, ha colpito senza pietà.

Il match è stato equilibrato, con la bilancia leggermente spostata verso l’Ajax che ha tirato di più senza centrare lo specchio della porta. Il ko non compromette la prima posizione ma potrebbe far avvicinare le dirette rivali al primo posto. Due settimane di stop daranno la possibilità di riprendere fiato anche se la maggior parte dei giocatori raggiungerà le rispettive nazionali: l’Utrecht sorride, riapre una noiosa Eredivisie  e balza, momentaneamente, al secondo posto, a 2 punti dai rivali e in attesa che Feyenoord e Psv scendano in campo rispettivamente contro il Vitesse e lo Sparta Rotterdam. Hake festeggia l’impresa e si gode la classifica sapendo che non potrà cambiare troppo nei prossimi giorni.