Il Psv tira su la testa e recupera giocatori importanti dall’infermieria: dopo la sconfitta sul campo dell’Olympiakos, i Boeren tornano al successo in campionato, battendo un Vitesse in piena crisi di risultati. Il secondo posto è blindato, l’Ajax è più vicino ma con due gare in meno: l’obiettivo è restare nelle zone alte della classifica per un passaggio diretto in Europa. I gialloneri, invece, scendono ancora, superati dall’AZ Alkmaar: il club di Arnhem sta vivendo un periodo nero con l’unica nota positiva che arriva dalla KNVB Beker.

GOTZE TRASCINA IL PSV: L’INFERMIERIA SI SVUOTA E I RISULTATI IMPORTANTI TORNANO

Il Vitesse continua il suo momento di crisi con il quarto ko nelle ultime 5 partite ed un solo punto in cassaforte: il mese di febbraio è totalmente da dimenticare con un gioco svanito nel nulla e una difesa troppo debole e fragile per restare in corsa per il titolo. Ne approfitta il Psv, reduce da un pesante tonfo europeo contro l’Olympiakos: Schmidt cambia ancora la formazione ma, nella ripresa, inserisce i pezzi da novanta che ribaltano il risultato. I Boeren possono sorridere con il rientro di Gotze che regala i 3 punti grazie ad una bellissima doppietta nei 5 minuti finali: i biancorossi, adesso, possono sperare di riaprire un campionato in pieno controllo dell’Ajax, ancora capolista e, attualmente, con due gare in meno.

Il tecnico di Eindhoven cambia per l’ennesima volta gli 11 in campo, schierando un 5-3-2 proprio come i rivali di Arnhem. Restano in panchina Malen e Gotze mentre si rivede in campo Viergever, dopo un lungo stop per infortunio. L’inizio non è dei migliori per i padroni del Philips Stadion che vanno subito sotto nel risultato con la rete di Broja dopo 4 minuti: l’avvio sottolinea la fragilità difensiva del Psv, ancora frastornato dalle 4 reti subite dall’Olympiakos. Con il passare del tempo, i biancorossi prendono sempre più campo, chiudendo in avanti la prima frazione di gioco: Schmidt, all’intervallo, capisce che deve fare qualcosa per scuotere i suoi ragazzi ed inseriesce Max e Malen. La mossa paga con i padroni di casa più attivi e pericolosi: a pareggiare i conti ci pensa proprio la punta su suggerimento di Zahavi. Per l’attaccante è 8° centro in Eredivisie e la realizzazione accende gli animi del Psv che crede nella rimonta: poco prima della marcatura dell’1-1, viene gettato nella mischia Gotze, appena recuperato da un infortunio. Il tedesco prende per mano la squadra e, nel finale, è proprio lui a firmare la doppietta vincente poco prima dello scadere: 86′ e 88′, 2 minuti per far capire quanto possa essere mancato al gioco dei Boeren.

Il Psv, con il successo, blinda il secondo posto e avvicina l’Ajax che chiuderà, contro lo Sparta Rotterdam, il ventitreesimo turno. La vittoria è fondamentale per tenere a distanza un AZ, in pieno recupero e lo stesso Vitesse, sceso in quarta posizione. La difesa ha dimostrato di essere organizzata ma c’è voluto uno schieramento a 5 per tornare a non subire un numero elevato di gol. Per i gialloneri, invece, continua il momento nero: l’Europa si allontana, mentre il sogno di conquistare il titolo è completamente tramontato. Resta viva la pista KNVB Beker: vincere la coppa nazionale è fondamentale per strappare l’ultimo pass diretto per i campi internazionali.