“Il mio contratto si concluderà a giugno, ma adesso non è neanche la cosa più importante visto quello che stiamo vivendo, che non ci permette neanche di allenarci normalmente. Quello che accadrà in futuro arriverà in un altro momento”. Con queste parole Pedro ha fatto capire di non voler proseguire la sua avventura al Chelsea; l’attaccante spagnolo, in questa stagione, ha realizzato un goal in nove presenze senza mai trovare una continuità di rendimento. Lampard preferisce giocatori con altre caratteristiche e, proprio per questo, l’ex Barcellona è pronto per una nuova esperienza.

Pedro, le opzioni per l’esterno spagnolo

Giocatore in grado di coprire tutti i ruoli della trequarti, predilige partire dall’esterno visto la sua velocità e l’abilità nel dribbling con cui riesce a creare costantemente la superiorità numerica. Ama dialogare con i compagni per poi essere decisivo o nell’assist o direttamente in zona goal; da questo punto di vista ha segnato in tutte le finali disputate. Uno con questa caratteristica può far comodo a molte squadre. Andiamo a vedere i club che potrebbero fare al caso di Pedro.

In Italia si prospetta un derby di mercato per l’attaccante spagnolo con Roma e Lazio fortemente interessate al giocatore. I giallorossi, visti i problemi fisici di Perotti e la probabile cessione di Under, andrebbero ad acquistare un giocatore di esperienza, dall’indiscusso valore tecnico ed in grado di dare un contributo importante in Europa League. Diverso il discorso per i biancocelesti a cui serve allungare la rosa per avere una valida alternativa sulla trequarti in grado di sostituire Correa; la Lazio, per affrontare al meglio la Champions, ha bisogno di una pedina come Pedro. L’ex attaccante del Barcellona sarebbe perfetto sia nel 4-3-3 di Fonseca sia nel 3-5-2 di Inzaghi. Altre squadre a cui farebbe molto comodo un giocatore come Pedro sono Leicester, Valencia, Leverkusen e Borussia Monchengladbach.

Uno degli elementi più pregiati del prossimo mercato estivo sarà Pedro pronto a firmare, molto probabilmente, l’ultimo importante contratto della sua carriera.