La notizia nel pomeriggio del Camp Nou non è l’esordio, con la maglia del Barcellona, del nuovo acquisto Braithwaite; il cinque a zero dei blaugrana ha come protagonista Lionel Messi. L’argentino, prima di due sfide fondamentali contro Napoli e Real Madrid, ha deciso di bloccare lo sciopero del goal con un poker, rifilato al malcapitato Eibar, dopo quattro partite in cui non era riuscito a segnare. Prestazione superlativa del numero dieci blaugrana che, in soli ventisei minuti, ha messo al sicuro il risultato. Tre punti che permettono al Barcellona di scavalcare il Real Madrid (impegnato questa sera sul campo del Levante) e preparasi nel migliore dei modi a due sfide di vitale importanza nella stagione dei ragazzi di Setién.

Messi, quattro goal per allontanare la crisi

Associare la parola crisi ad un giocatore come Messi assomiglia molto ad una bestemmia, specie se nelle quattro partite di astinenza il numero dieci ha realizzato sei assist. Oggi l’alieno argentino ha deciso di allontanare ogni tipo di critica con una prestazione superlativa: quattro goal, giocate di alta qualità la sensazione di onnipotenza a cui Leo ci ha abituato ogni settimana. Questo prepotente ritorno della Pulga non farà felici Napoli e Real Madrid, prossime avversarie del Barcellona in una settimana fondamentale per la stagione, in Champions e Liga, dei blaugrana. Affrontare un Messi in questo stato di forma e con questa fiducia (i primi due goal rappresentano il suo marchio di fabbrica) non sarà semplice.

In attesa di due sfide determinanti, il Barcellona si gode un successo meritato e che permette al club di tornare in testa alla classifica in attesa del Real Madrid; i ragazzi di Zidane, impegnati sul campo del Levante, dovranno riscattare il pareggio con il Celta Vigo per riprendersi il primo posto e continuare questo meraviglioso testa a testa in attesa del Clásico.