La Roma sta attraversando un periodo di grande forma: il gioco è stato ritrovato grazie all’arrivo del tecnico Spalletti che ha dato fiducia e coraggio alla manovra. La formazione giallorossa, ricca di talenti, dove solo ristabilire quegli equilibri che erano venuti a mancare con Garcia. Intanto Sabatini, che a giugno abbandonerà il club, sta lavorando per il mercato estivo per non lasciare il club capitolino in una situazione di disagio. Nel mirino del ds troviamo 3 talenti olandesi sparsi per l’Europa: van der Wiel, Vilhena e Wijnaldum. Stiliamo un piccolo resoconto per ognuno…

VILHENA, TALENTO VISIONATO DALLA LAZIO

Vilhena, centrocampista olandese, milita tutt’ora nel Feyenoord e si sta mettendo in mostra con grandissime prestazioni. La Lazio ha chiesto informazioni sul ragazzo già a gennaio con scarsissimi risultati. Noi avevamo già visionato il talento e vi propongo proprio il mio articolo a riguardo:

Vilhena, il talento del Feyenoord seguito da club italiani

VAN DER WIEL, IL TERZINO NECESSARIO ALLA ROMA

Van der Wiel è nato ad Amsterdam nel 1988 e inizia a tirare i primi calci ad un pallone nelle giovanili dell’Ajax. Il suo talento viene notato e nel 2006 riesce ad esordire per la prima volta in Eredivisie. Nel 2008-2009, dopo 2 anni giocati un po’ a singhiozzo, viene definitivamente schierato titolare da van Basten, neo allenatore dei lancieri. Con i biancorossi ha disputato 132 partite in campionato andando a segno in 13 occasioni. Nasce come difensore centrale, ma è proprio l’ex attaccante della nazionale olandese trasformarlo in uno dei più talentuosi terzini della sua generazione. Il Bayern Monaco inzia ad interessarsi a lui, ma il ragazzo rifuta il trasferimento e rimane anche con de Boer alla guida. Nel 2012, il Psg arabo lo strappa per una cifra intorno ai 6 milioni di euro. Con in francesi scenderà in campo per 85 volte in Ligue 1 gonfiando la rete in 4 occasioni. Numeri molto più bassi rispetto al passato, minati anche dall’arrivo di Aurier che gli ruba il posto da titolare. Il giocatore è in scadenza di contratto a giugno e la Roma si sta muovendo per farlo arrivare alla corte di Spalletti. Van der Wiel, a 28 anni, avrebbe l’occasione di misurarsi con un campionato molto più difficile e tattico. Le sue doti più spiccate sono: la grande spinta offensiva unita ad una elevata velocità. Il dribbling è sicuro e secco e i cross precisi per la testa degli attaccanti. Tutte queste caratteristiche sono importantissime per il tecnico di Certaldo che potrebbe sbloccare definitivamente anche Dzeko. Il ds della Roma sta lavorando sodo con il procuratore Mino Raiola con in quale ha un ottimo rapporto. L’olandese andrebbe  a sostituire un “quasi” sicuro partente: Lucas Digne. Il francese costa troppo: 16 milioni il riscatto. L’occasione low cost è troppo ghiotta e nella capitale non vogliono farsela sfuggire.

WIJNALDUM, CENTROCAMPISTA IN CERCA DI UNA SQUADRA

Wijnaldum nasce nel 1990 a Rotterdam e inizia la sua carriera professionistica proprio con lo Sparta Rotterdam. Dopo 7 anni passa con i nemici giurati del Feyenoord ed esordisce in Eredivisie nel 2007. In 4 anni disputerà 111 gare andando a segno in 23 occasioni. La media piace al Psv che lo tessera pagandolo 5 milioni nel Luglio del 2011. Il ragazzo entra a far parte del progetto del club di Eindhoven: quello di puntare su una linea verde di giovani talentuosi. Wijnaldum vestirà la maglia biancorossa per 4 anni, consacrandosi definitivamente ad alti livelli: 109 presente per 40 reti in Eredivisie. Nel suo palmares spiccano: 2 coppe d’Olanda, una supercoppa olandese e un campionato olandese vinto nel 2014-2015, prima di dare l’addio per migrare in Premier League. Il suo passaggio viene a costare 20 milioni di euro circa, ma la sua avventura a Newcastle non è delle migliori: il ragazzo ha fin ora giocato 29 gare e gonfiato la rete per 5 volte. Non un grandissimo score, ma il momento è molto delicato per i bianconeri che rischiano la retrocessione. Attualmente la formazione inglese milita in penultima posizione e rischia seriamente di abbandonare la Premier. Proprio per questo motivo, Sabatini, ha pensato di contattarlo per portarlo a Roma. In caso di retrocessione, il giocatore chiederà di essere ceduto. Il valore del suo cartellino è di 20 milioni, ma probabilmente il prezzo sarà trattabile e si abbasserà notevolmente. Il ragazzo ha dimostrato di essere molto duttile a centrocampo, riuscendo a ricoprire tutti i ruoli. Ha un ottimo dribbling ed un potentissimo tiro da fuori, suo marchio di fabbrica. I suoi cross sono precisi e puntuali e ogni tanto, di testa, riesce a togliersi delle soddisfazioni. La Roma lo sta corteggiando e l’amicizia con Strootman, conosciuto ai tempi del Psv, potrebbe essere l’asso nella manica del ds.

I giallorossi hanno deciso di voler parlare olandese. In estate Pjanic o Nainggolan potrebbero lasciare per accasarsi al Chelsea per una cifra di 50 milioni (prezzo richiesto dalla Roma per uno dei due). Se ci fosse una di queste cessioni, il trio olandese potrebbe arrivare in blocco, altrimenti aspettiamoci uno o al massimo due di loro. La Serie A sta riscoprendo la bellezza dell’Eredivisie.