Sassuolo, battere il Lucerna per sognare ancora

A pochi passi dal traguardo il Sassuolo non può smettere di sognare: a separare i neroverdi dall’ultimo preliminare per la prima storica qualificazione ai gironi di Europa League c’è soltanto un pareggio, uno 0-0 che basterebbe per mandare a casa gli svizzeri di Lucerna e provare coronare degnamente la splendida cavalcata nella scorsa Serie A degli uomini di Di Francesco.

“Noi giochiamo per vincere”, parola del Sassuolo

Il mantra di Eusebio Di Francesco è sempre e solo uno: non fare calcoli e provare a vincere a tutti i costi. È questa la mentalità che l’allenatore ha trasmesso ai suoi ragazzi, che contro ogni pronostico si trovano a giocarsi la chance più importante della loro carriera fino ad ora, la possibilità di conquistare un posto fra le prestigiose squadre che si contenderanno l’ambita Europa League.

Nella prima trasferta europea gli emiliani sono stati fermati sull‘1-1, frutto di due rigori, un risultato che non ha cambiato per niente gli equilibri di una doppia sfida ancora tutta da vivere, ma che ora più che mai sembra davvero sorridere ai neroverdi. La splendida cornice del Mapei Stadium, il piccolo fortino che ha fatto faticare anche le big italiane, potrebbe rappresentare quella spinta in più per un Sassuolo poco incisivo nella partita d’andata ma determinato a continuare il suo percorso in Europa League.

Una partita tutta in attacco

La miglior forma fisica del Lucerna, che ha già cominciato il campionato dove ha battuto per 4-3 il Grasshopper, rappresenta sicuramente un notevole vantaggio per gli svizzeri, che si presenteranno in casa del Sassuolo per giocare una gara puramente offensiva. Il loro solido 4-4-2 è apparso spavaldo è sicuro, con i due mediani che spesso avanzavano per creare superiorità numerica in attacco. Sono proprio gli spazi lasciati dagli avversari a rappresentare una ghiotta occasione per il Sassuolo, che dovrà però anche fare maggiore attenzione indifesa, l’unico reparto che all’andata si è mostrato debole e poco compatto.

Un pareggio a reti inviolate basterebbe ai neroverdi per accedere al turno successivo, ma per Di Francesco è assolutamente vietato contenere gli assalti avversari senza provare a reagire. La giusta mentalità, la qualità dei giocatori e un po’ di fortuna potrebbero permettere al Sassuolo di continuare il suo cammino, alla ricerca di quel sogno chiamato Europa League.

 

Impostazioni privacy