La Spagna vince a Maribor e accede alla semifinale di UEFA Euro Under 21, al netto di un ostacolo forse rivelatosi addirittura più duro del previsto. La Croazia, che nel girone aveva avuto la meglio su Inghilterra e Svizzera “solo” per via della classifica avulsa, si è rivelata infatti avversaria assai insidiosa. Compatta e rognosa per larghissimi tratti del match, la formazione balcanica ha scelto di affidarsi a due linee di calciatori molto compatte davanti al portiere del Chievo Semper, protetto da due giovanissimi centrali di grande prospettiva: il promesso sposo del Lipsia Gvardiol (2002) e Vuskovic, da molti accostato al Torino.

La grande attenzione in fase difensiva non ha però impedito di creare grattacapi dalle parti di Álvaro Fernández, vicino alla capitolazione in paio di occasioni nel primo tempo, soprattutto con Bradaric al 6′. La Rojita trovava, con Cucurella e Villar in panchina e subentrati solo nella ripresa, invece l’occasione più importante con un positivo Brahim Diaz, con il morale a mille dopo il bel rush finale di stagione a Milano. È però un’altra mossa dalla panchina, Javi Puado, a determinare l’esito della partita: prima con il gol sul bellissimo assist di Bryan Gil, poi dopo il pari causato dall’ingenuo fallo di Guillamón, con la rete in contropiede sul grande lancio di Cucurella che ha deciso la partita.

L’attaccante dell’Espanyol è stato fondamentale per vincere la partita e far avanzare la squadra in semifinale dove affronterà la vincente di Italia-Portogallo. Mancherà Mingueza, diffidato e ammonito, che potrebbe essere una seria mancanza in vista di una gara da dentro o fuori in cui si è visto che ogni errore come la trattenuta di Guillamón, rischia di costare carissimo.