Iniziano i recuperi in Liga e la sfida di cartello è quella che mette di fronte Atletico Madrid e Siviglia. I Colchoneros, tre gare in meno rispetto al Real, cercano il successo per allungare in classifica e avvicinarsi al titolo; discorso diverso per i ragazzi di Lopetegui che hanno bisogno di conquistare i tre punti per salire al quarto posto. Novanta minuti in cui potremo capire qualcosa in più sul futuro delle due squadre e soprattutto su un campionato che potrebbe diventare sempre più dell’Atletico Madrid. Alla fine l’indicazione arrivata dal Wanda Metropolitano è la forza dei ragazzi di Simeone; quinta vittoria consecutiva, più quattro sul Real e soprattutto un Saúl tornato a grandi livelli.

Saúl, l’uomo in più dell’Atletico Madrid

Quando Saúl segna l’Atletico non perde mai; una legge che si è ripetuta anche questa sera. La rete del centrocampista, oltre a permettere ai Colchoneros di allungare in classifica, consente al classe di 1994 di uscire da un momento decisamente complicato. Giocatore fondamentale per gli schemi di Simeone vista la sua capacità di tenere unire i reparti ma anche l’abilità di inserirsi nell’area avversaria; il suo recupero può rappresentare l’arma in più di una squadra che sta viaggiando a ritmi clamorosi. Tredici vittorie, due pareggi, una sola sconfitta e la sensazione di come questa Liga la possa perdere solo l’Atletico.

Siviglia, occasione sprecata

L’avversario non era dei più semplici ma un successo questa sera avrebbe portato il Siviglia al quarto posto. I ragazzi di Lopetegui hanno disputato una buona partita sprecando troppo dal punto di vista offensivo e contro una squadra che prende pochissimi gol non te lo puoi permettere. Sconfitta che testimonia come a questa squadra manchi ancora qualcosa per il definitivo salto di qualità. La rosa è forte ma non riesce ad esprimere tutto il proprio potenziale e la sensazione, in una stagione come questa, è quella di aver sprecato una grande occasione.