L’assenza di Ibrahimovic per il brutto infortunio che lo terrà fermo fino alla metà della prossima stagione non spaventa affatto il Manchester United, bello e vincente sul campo del Burnley. Ai ragazzi di Mourinho serviva una vittoria per restare nella scia delle avversarie e provare a sorpresa a raggiungere il quarto posto: l’accesso ai preliminari di Champions League è distante adesso solo 4 punti ma, con una partita ancora da recuperare, i Red Devils possono davvero impensierire e scavalcare i cugini del City.

Come detto, l’infortunio di Ibra non spaventa lo United: i rossi di Manchester riescono a segnare senza il loro leader grazie all’incredibile prestazione di Anthony Martial, l’attaccante ventunenne che sta ripercorrendo gli ottimi passi mossi nella passata stagione. Il giovane francese qualche giorno fa era stato chiamato a rapporto da Mourinho, che proprio da lui si aspettava grandi cose in questo infuocato finale di stagione. Detto fatto: Martial si traveste da trascinatore e apre le marcature dopo 20 minuti di gioco, mettendo la firma sul 25esimo gol con la maglia dello United, che costa ai Red Devils ben 10 milioni di euro a causa di una clausola inserita dal Monaco nella trattativa che ha portato il giocatore in Inghilterra nell’estate del 2015.

Bonus a parte, Martial ha soddisfatto pienamente le attese del suo allenatore che, oltre ad una sua crescita, si aspettava tanto anche da Rooney, giocatore nell’occhio del ciclone già da un po’ di tempo a causa delle sue scarissime prestazioni: lo storico capitano del Manchester con la rete del definitivo 2-0 ha mostrato che è tutt’altro che bollito ma, anzi, pronto a riprendere in mano le redini della sua squadra.

La partita conto il Burnley però sembra aver fatto bene a tutto lo United: fra i giocatori ritrovati c’è anche Paul Pogba che ha offerto una prestazione di altissimo profilo coprendo alla perfezione tutto il centrocampo de Red Devils e assistendo in modo impeccabile Rooney nella sua rete.

Ibrahimovic può riprendersi serenamente dal suo infortunio: lo United sembra aver ritrovato pienamente tutti i suoi pilastri, proprio nel momento più importante della stagione dove tutto potrebbe cambiare in meglio da una settimana all’altra.