Upamecano vola a Lipsia: scambio a tutta Red Bull

Il RB Lipsia vuole continuare la sua stagione straordinaria (2°posto alla pausa, alle spalle del solo Bayern), e per farlo si è assicurata uno dei migliori prospetti del panorama europeo. Il 18enne Dayot Upamecano arriva alla corte di Rangnick e Hasenhüttl per 10 milioni di euro, bruciando così la concorrenza di varie big d’Europa come il Manchester United di Mourinho su tutte, ma anche PSG, Juventus e Real Madrid per dirne altre.

Un trasferimento in perfetta linea con la filosofia della squadra, cioè puntare sui giovani, che nella scorsa estate ha visto spendere circa 50 milioni per 7 giocatori, di cui il più “vecchio” era il 24enne Kyriakos Papadopoulos. Ma è l’ennesimo trasferimento interno in casa Red Bull, una sorta di “promozione” dal Salisburgo al Lipsia, che ha visto girare un flusso di oltre 40 milioni e di 9 giocatori diversi (potevano essere 10 se Hinteregger non si fosse rifiutato passando all’Augsburg), che ha portato a varie denunce alla compagine austriaca, dagli avversari ma anche dagli stessi calciatori della squadra.

Un trentenne nel corpo di un diciottenne – 18 anni compiuti a Ottobre, ma con già 39 presenze tra i professionisti, un premio come miglior difensore al torneo giovanile dell’Egeo Cup nel 2014, la convocazione nella Francia under 17 e la vittoria dell’Europeo di categoria nel 2015 (top 11 della competizione), Upamecano è principalmente un difensore centrale, in grado però di giocare tranquillamente anche davanti alla difesa. Fisicamente imponente (190cm x 83kg), è un calciatore grintoso e aggressivo ma difficilmente avventato, è bravo nei contrasti e negli anticipi e possiede una buona lettura di gioco, che gli consente anche di avanzare per costruire l’azione. È inoltre dotato di una grande calma palla al piede e una concentrazione da giocatore maturo, cosa che aveva convinto il mister del Salisburgo Oscar Garcia a schierarlo da schermo davanti alla difesa. I paragoni maggiori sono con Varane, Zouma o Hummels, per la loro capacità palla al piede nonostante il ruolo da centrali di difesa, a me ricorda il miglior Kondogbia (se si consacrerà come centrocampista), soprattutto nello stile dei tackle, anche se il suo piede preferito è il destro.

Upamecano un jolly difensivo per Hasenhuttl – Nel 4-2-2-2 del tecnico austriaco del Lipsia, che ha nei suoi punti di forza proprio nella solidità difensiva (Naby Keita è stato nominato miglior mediano della Bundes tanto per fare un esempio) il 18enne potrebbe non partire da subito titolare, proprio per non rovinare quella magica alchimia creata finora, ma Upamecano ha doti che gli permetteranno di imporsi sicuramente in futuro, sia in difesa al posto di uno tra Compper (ora infortunato) e Orban, sia nella coppia di centrocampo che Hasenhüttl spesso plasma in base al suo avversario.

Un altro trasferimento che fa infuriare le squadre austriache e le big di mezza europa che si vedono così scippare da Rangnick un talento cristallino grazie a un passaggio interno tutto a tema Red Bull. Un trasferimento in pieno stile “squadra più odiata di Germania”. Il RB Lipsia si cala sempre più nella parte del villain, ma intanto vuol provare a mettere le ali.

Impostazioni privacy