Nel 4-2 della Bombonera rifilato dal Boca Juniors al Racing ci sono tanti fattori: Gago ha dominato la scena, Orion non si è fatto rimpiangere dal suo vecchio pubblico, Tevez è tornato al gol ma soprattutto Walter Bou ha vinto il duello a distanza con suo fratello maggiore Gustavo segnando due gol decisivi per lo sviluppo della gara. Doppietta per la Panterita, a secco la Pantera. Gustavo tocca pochi palloni e viene oscurato dal Licha Lopez in forma smagliante.

Walter Bou ha dovuto scalare una montagna per trovare spazio nell’undici di Guillermo Barros Schelotto ma quando è stato chiamato in causa ha sempre risposto presente nella migliore maniera: facendo gol. la rete appena entrato contro il San Lorenzo aveva dato credibilità alla Panterita, la partita di questa notte in un altro partitone come quello contro il Racing lo ha reso un elemento importantissimo per questa squadra.

Mancava Benedetto, non uno qualsiasi ma il capocannoniere degli xeneizes. Fuori il 9 titolare, dentro la sua riserva naturale, nessun cambio di sistema di gioco. E il Boca va. Tevez a supporto delle due punte è un faro e fa viaggiare al massimo tutti i suoi compagni, soprattutto chi gioca davanti a lui.

Fraseggi veloci, palla sempre in movimento e sempre attaccata al suolo. Un Boca bellissimo che libera il movimento delle sue punte con questa manovra a ritmi insostenibili: Bou in questo contesto deve solo fare il movimento giusto perché la palla in qualche modo arriva e la chance è ghiotta.

Battuto il fratello sul campo e soprattutto sostituito con il massimo profitto il massimo goleador del Boca adesso Walter ha solo un obiettivo: segnare nel Superclasico di domenica prossima. Benedetto probabilmente dovrà restare ancora fuori e per il più piccolo dei Bou arriverà la chance più importante della carriera: quella di segnare in tre partite sentitissime consecutive, niente male per chi fino a questa notte era semplicemente “il fratello di Gustavo”.