Oggi per la nostra rubrica Futurbola trattiamo di un centrocampista interessante e di grande prospetto: è Atakan Akkaynak, di proprietà del Bayer Leverkusen nonchè capitano e numero 6 della selezione tedesca che da poco è tornata dalla spedizione in Azerbaijan per Euro 2016 U17. Nato il 5 gennaio 1999, è un punto di riferimento sia dentro che fuori dal campo per i suoi compagni: infatti ha un’abilità di palleggio e di gestione della situazione tattica fuori dal comune, ed allo stesso tempo si dice non sia uno che dia problemi nella vita privata. Seppur sono molto differenti, entrambe queste cose sono molto importanti: infatti, il primo fattore è fondamentale per poter svolgere entrambe le fasi di gioco (offensiva e difensiva) alla grande, una cosa che in questo calcio è molto importante, mentre la seconda dimostra la vera volontà di coronare il sogno che lo rincorre da anni, ossia quello di diventare calciatore professionista. Anche questo è molto importante, dando un’occhiata a tutti i settori giovanili e osservando quanti talenti si bruciano per questioni extra-calcistiche. Ma oggi non soffermiamoci su queste problematiche, e diamo un’occhiata critica a questo centrocampista.

56fd357c6ce436236c76c14c

Ha deciso di giocare le giovanili con la selezione tedesca, ma la scelta ufficiale sulla sua nazionalità avverrà solo nel momento in cui una delle due nazioni che potranno usufruire (Germania e Turchia) lo convocheranno per la nazionale maggiore. Indossa il numero 6, ed agisce con intelligenza davanti alla difesa: i palloni persi da lui sono pochissimi, ed il tocco palla in impostazione, oltre che la precisione nei passaggi, sono già di altissimo livello. Con Meier, compagno di reparto, e Dadashov si è reso protagonista di un gol strepitoso nel torneo azero, concludendo alla grande un’azione precisissima sviluppatasi sulla destra. Di conseguenza non pecca nemmeno nelle qualità offensive di cui un giocatore deve disporre al giorno d’oggi. Fieramente con la fascia da capitano tedesca, a Leverkusen è già visto come il nuovo Vidal: ma l’associazione che noi gli regaliamo è quella a Steven Gerrard. Non è sicuramente un caso che il Barcellona abbia già messo gli occhi su di lui, portandolo già al centro del gruppo dei calciatori di più grande avvenire. Insomma, se dovete scommettere su un giocatore, mette uno o due nichelini su questo ragazzo qua.

Buona fortuna per l’avvenire, Atakan!