La Bundesliga riparte con il proprio diciannovesimo turno dopo la sosta invernale. La prima sfida che riaccende gli animi dei supporters di Germania è Bayer Leverkusen contro Bayern Monaco alle 20:30 di questo venerdì invernale. Le aspirine ospitano i campioni in carica alla BayArena per un match che promette scintille. I baveresi si sono risvegliati dopo un avvio di campionato stentato: l’esonero di Carlo Ancelotti e la “chiamata alle armi” di Jupp Heynckes hanno sortito gli effetti sperati. Il Bayern guida la classifica con quarantuno punti, undici in più della seconda forza della Bundesliga: lo Schalke 04.

Il Bayer può dirsi complessivamente soddisfatto del proprio cammino: la compagine di Heiko Herrlich è quarta in campionato. Le aspirine condividono la posizione di classifica con Borussia Dortmund, RB Lipsia e Borussia Mönchengladbach. La compagine di Leverkusen ha dato ulteriore prove di avere il DNA di una squadra entusiasmante: il Bayer è il terzo attacco del campionato con trentaquattro reti, dopo Bayern Monaco e Borussia Dortmund. Il pareggio per 4-4 con l’Hannover 96 nell’ultima sfida del 2017 è la riprova di quanto possa far divertire la selezione di Heiko Herrlich.

L’oggi e il domani: Robert Lewandowski è considerato il miglior giocatore della massima serie tedesca e quello più rappresentativo. Il centravanti polacco è capocannoniere del torneo con quindici reti ed è il fiore all’occhiello del Bayern Monaco. I bavaresi sono in apprensione per l’ex Dortmund, poiché sembra in procinto di saltare questa delicata sfida. Probabilmente nemmeno Mats Hummels sarà del match a causa di problemi fisici. Lewandowski non potrà dare vita ad una guerra generazionale con Kai Havertz, trequartista del Bayer Leverkusen e prossimo crack della massima serie tedesca. Havertz, nonostante i soli diciannove anni, ha conquistato un posto da titolare nello schieramento delle aspirine e si candida fortemente come talento dell’anno. È indubbio che ha le potenzialità per scalzare Robert Lewandowski come giocatore più rappresentativo della Bundesliga.

La velocità degli esterni: Kingsley Coman, complice gli infortuni e l’età avanzata di Arjen Robben e Franck Ribéry, si sta ritagliando sempre più uno spazio importante al Bayern Monaco. Il giocatore francese è sceso ventiquattro volte in campo questa stagione, trovando la rete in quattro occasioni. È indubbio che l’ex Juventus abbia potenzialità da vendere, ma è altrettanto certo che sovvertire le gerarchie in una squadra come il Bayern è estremamente complicato. L’ex PSG si darà battaglia a suon di sprint sulla fascia con Leon Bailey. Il giamaicano ha faticato a trovare continuità con la maglia del Bayer, ma negli ultimi tempi ha dato prova di tutto il proprio potenziale. L’ex Genk è scacchiere di Heiko Herrlich. La velocità del giamaicano e la sua tecnica individuale sono una freccia in più nella faretra del tecnico tedesco.

La previsione: Affrontare il Bayern Monaco è oggettivamente proibitivo. La squadra di Jupp Heynckes è solida, quadrata e cinica. I bavaresi hanno trovato la quadratura del cerchio e nulla sembra poterli fermare. È da verificare la condizione generale: il lungo stop può ripristinare le energie perdute, ma non è mai semplice ripartire a mille. Nella fattispecie in una sfida che si preannuncia a ritmi altissimi e senza esclusione di colpi. Il Bayern Monaco, come sopracitato, dovrà fare a meno di due pedine importanti ed insostituibili. Il Bayer potrebbe giocare con più sicurezza nei propri mezzi e disinvoltura, considerato il forfait del centravanti polacco, andando ad assumere una coscienza di sé necessaria per poter affrontare i bavaresi.

Il rischio con il Bayern Monaco è pensare di riuscire a domarlo per tutti i novanta minuti. Il Bayern di Heynckes è una squadra che non ha paura di soffrire, ma è un pugile che – quando è alle corde – sferra il pugno decisivo e ti mette al tappeto. Una squadra, per certi versi fragile, come il Bayer può impensierire gli ospiti, ma corre il rischio di prendere una delle più classiche imbarcate alla prima difficoltà. Tutto dipenderà dall’atteggiamento dei padroni di casa: nella circostanza di un match immediatamente aggressivo, il Leverkusen dovrà giocare sempre al proprio massimo per non lasciare nessuna falla e possibilità di “ripresa” agli ospiti. In caso di una partita più difensiva, le aspirine sono chiamate ad una gara di estrema concentrazione, ma la velocità sugli esterni del Bayer può fare del male ai campioni in carica.

Il match propende verso gli ospiti, considerati i precedenti: nelle ultime cinque partite il Bayer ha conquistato tre vittorie e pareggiato in due occasioni. L’ultima vittoria per le aspirine è datata maggio 2015: un 2-0 firmato da Brandt e Calhanoglu. I rapporti di forza candidano il Bayern come vittorioso in questa ripresa di Bundesliga.