L’Ankaragucu, solo una settimana fa, crollava per 2-1 contro il Basaksehir: a sette giorni di distanza, invece, riesce a fermare il Trabzonspor strizzando l’occhio alla compagine di Istanbul. La capolista mantiene la testa solitaria della classifica in vista del derby contro il Galatasaray. Il club di Trebisonda può vedere aumentare ancora il divario del primato: la lotta per il titolo sta mietendo una nuova vittima dopo i giallorossi di Terim?

TRABZONSPOR ANCORA FRENATO: IL BASAKSEHIR RESTA PRIMO

Occasione ghiotta non sfruttata dal Trabzonspor che fallisce il controsorpasso sul Basaksehir: i ragazzi guidati da Cimsir, impattano malamente contro l’Ankaragucu, ultima in Super Lig. Il pareggio fa anche più male proprio in vista del big match di Istanbul, tra la capolista e il Galatasaray di Terim: i giallorossi avrebbero potuto rallentare l’avanzata del Basaksehir, così da aggevolare il recupero della società di Trebisonda.

Non è andato nulla secondo i piani, anche se la serata era partita sotto tutti i migliori auspici, con una bella rete di Sorloht dopo appena 3 giri d’orologio. Il norvegese allunga in vetta alla classifica marcatori con il 20° centro in Super Lig: resta un gradino sotto Cisse dell’Alanyaspor con una realizzazione in meno. L’attaccante è al terzo gol in 3 partite dopo la doppietta, in coppa di Turchia, contro il Fernebahce. La marcatura spiana la strada ai padroni di casa che amministrano con auterevolezza il gioco e rischiano anche di centrare il raddoppio. Nella ripresa un braccio troppo largo di Pereira, permette all’Ankaragucu di pareggiare su calcio di rigore: l’arbitro non ha esitazioni e concede il penalty, brillantemente realizzato da Rodrigues. L’1-1 spaventa il Trabzonspor che si riversa nella metà campo avversaria alla ricerca del definitivo 2-1: il fanalino di coda della Super Lig si barrica a protezione del suo portiere, interrompendo il gioco con estrema facilità. Tanti falli che condannano Rodrigues in grado di rimediare due gialli nel giro di 12 minuti. A dieci dalla fine gli ospiti restano in 10 ma reggono con tenacia al forcing degli avversari, costretti ad arrendersi al triplice fischio.

Un punto d’oro per l’Ankaragucu che aggancia il Kayserispor, relegandolo all’ultimo posto, nonostante lo stesso numero di punti. Il pari contro una formazione in lotta per il titolo regala morale e coraggio per tentare una risalita che dista solamente 3 lunghezze. Ancora niente è deciso e le possibilità di salvezza aumentano notevolmente. Tutt’altro discorso per il Trabzonspor che vede svanire un’occasione eccezionale per ritorna in vetta alla classifica: adesso, il Basaksehir, può allungare ulteriormente sui rivali. Il Galatasaray dovrà vincere per tramutare questo passo falso in un buon punto recuperato. Il divario resta minimo, le giornate sono ancora tante, ma tre pareggi nelle ultime 4 uscite non sono un passo da big.