Non è iniziata nel migliore dei modi la Liga del Betis che ha subito una brutta sconfitta casalinga contro il Real Valladolid. L’espulsione di Joel Robles dopo solamente 8 minuti di gioco ha indirizzato un match che gli ospiti hanno portato a casa nonostante i biancoverdi siano riusciti a rimettere in pari la contesa dopo il vantaggio firmato Sergi Guardiola. A decidere la sfida ci ha pensato Oscar Plano con un gol all’89esimo minuto, una mazzata non da poco per una squadra che contava di iniziare con un successo soprattutto dopo l’esaltazione del colpaccio di mercato Fekir.

Come dicevamo, Fekir è stato un colpo sensazionale soprattutto per il rapporto qualità/prezzo. Il fantasista francese ci ha provato a suonare la carica a suon di dribbling e giocate sempre molto interessanti ma l’uomo in meno per 82 minuti ha contribuito e non poco alla sconfitta. Resta il fatto che, in contrapposizione con l’acquisto dell’ex Lione, la perdita di un giocatore come Lo Celso si è fatta sentire. L’argentino ha dimostrato nella scorsa stagione di trovarsi a meraviglia in un campionato come quello spagnolo e le sue prestazioni sono sempre state di altissimo livello. Il mercato non ha entusiasmato i tifosi visto che l’esaltazione per Fekir è stata praticamente annullata dalla brutta botta subita con la cessione proprio di Lo Celso. Davanti Loren Morón è andato ancora a segno siglando il momentaneo 1-1 con la società che ha piazzato un importantissimo colpo di mercato proprio nel ruolo di punta centrale acquistando dall’Espanyol Borja Iglesias (clicca qui per leggere la nostra scheda). Oltre alla sconfitta, però, sembra che lo stesso neo acquisto, insieme a Canales, soffrano di qualche problemino fisico che li potrebbe fermare in vista della seconda giornata che il Betis vede già come un match da vivere con il coltello fra i denti.

Dal punto di vista offensivo la squadra non si muove male e bisogna dare tempo a Fekir di entrare nei meccanismi creati da un allenatore importante come Rubí. Il pacchetto di trequartisti e attaccanti è di tutto rispetto, soprattutto dal punto di vista tecnico. Giocatori come Joaquín, Tello, Lainez e Canales sanno come trattare il pallone e nel caso in cui si trovi in fretta una buona chimica le difese avversarie non avranno da stare tranquille quando vedranno di fronte tanta qualità. I nuovi dovranno necessariamente velocizzare il loro inserimento visto che perdere cosi alla prima giornata contro una squadra non irresistibile rischia di far crollare il morale dopo un mercato che ha lasciato non pochi dubbi alla tifoseria. Oltre alla cessione del suddetto Lo Celso, sicuramente ha fatto male anche l’addio di Firpo che si è accasato al Barcellona dopo un Europeo Under 21 vissuto da protagonista.

Il decimo posto della scorsa stagione dovrà assolutamente essere migliorato e per questo l’ambiente ha subito molto questa sconfitta nel match di esordio della Liga 19/20. I dubbi sul mercato si sono ovviamente rinforzati dopo la falsa partenza anche se Rubí dispone delle capacità giuste per risollevare un Betis chiamato già ad una prestazione importante visto che il calendario riserverà la trasferta contro i campioni in carica alla seconda giornata.