Brobbey e Tadic trascinano l’Ajax: prove di fuga per la capolista

L’Eredivisie sta prendendo un’unica direzione ed è quella dell’Ajax: la formazione di Ten Hag non si fa pregare e approfitta del contemporaneo stop di tutte le inseguitrici. Solo il Psv tiene il passo con il rischio di scivolare nella prossima sfida contro il Feyenoord, non nel suo momento migliore di stagione. A risolvere un match abbastanza delicato ci pensano Brobbey e Tadic che si trovano a meraviglia nel finale di gara.

TEN HAG SORRIDE E SCAPPA: L’AJAX METTE UNA MANO SULLO SCHAAL

Dal turno infrasettimanale sorride solo l’Ajax che si allontana dalle inseguitrici: nelle prime gare del 2021 siamo passati da 7 squadre in lizza per il primato a solo 2 in pochissimo tempo. A tenere il passo degli ajacidi è solo il Psv che resta fisso a -4 in attesa del big match contro il Feyenoord che è ricco di insidie, soprattutto dopo la terza sconfitta consecutiva dei Rotterdammers.

Contro il Willem II, Ten Hag non rischia e schiera la migliore formazione possibile, nonostante la crisi nera dei Tricolores, penultimi e sempre più vicini alla retrocessione in Eerste Divisie. L’esonero dell’allenatore, però, non convince il tecnico biancorosso che decide di andare in campo con il tridente pesante: Tadic-Haller-Antony per provare a scardinare una delle retroguardie più perforate del torneo. Alla Johan Cruijff Arena, il primo tempo si chiude sullo 0-0 nonostante il dominio territoria dell’Ajax che ha difficoltà nel perforare un solido fortino: nella ripresa, il ritmo non cambia e, alla fine, i padroni di casa sbloccano il risultato con Klaassen. Il Willem II cerca di rispondere, ma è poco preciso e frenetico nella manovra: l’unica occasione arriva alla mezz’ora e Pavlidis non si fa pregare e batte Onana per il momentaneo 1-1. Con il pareggio in tasca, gli ospiti si chiudono ancora di più nella propria metà campo, cercando di respingere ogni assalto avversario: Ten Hag inizia il valzer di cambi insereno forse fresche, tra le quali Brobbey all’82’. Il ragazzo impiega un giro di orologio per mettere a rete un perfetto assist di Tadic: cambio azzeccatissimo visto che il giovane talento ajacide ricambierà i servigi del serbo regalando il suggerimento vincente per il definitivo 3-1.

L’Ajax vola e non si ferma con il 5° risultato utile consecutivo in questo 2021: 4 vittorie e un pari contro i rivali del Psv. Ten Hag dimostra di avere una formazione superiore sia nel gioco che nella tecnica con un attacco che resta il migliore della competizione con 63 reti in 19 partite, una media di 3.3 ad incontro. La difesa, dopo le imbarcate di Feyenoord e Vitesse, resta la meno perforata del torneo con solo 15 gol al passivo, meno di una realizzazione a partita. I numeri sono eccezionali, ma siamo abbastanza abituati ad associarli a questo Ajax che, di anno in anno, continua a stupire. Che sia la stagione giusta per ambire anche all’Europa League?

 

Impostazioni privacy