Mercato, Federico Chiesa caso aperto: nessun rinnovo in vista

Il calcio dà il calcio toglie, il calcio restituisce. Federico Chiesa torna a sollevare un trofeo su un campo speciale. L’erba dello stadio Olimpico dove si era infortunato alla fine del calvario, questa volta lascia solo l’odore della vittoria in finale di Coppa Italia sull’Atalanta anche se non chiude definitivamente il caso legato alla sua permanenza alla Juventus.

Federico Chiesa resta un uomo  mercato

Federico Chiesa, al netto del successo (con annessa sostituzione) in Finale di Coppa Italia, non è ancora un punto fermo della Juventus. Il suo contratto è in scadenza nel 2025 e non è stato ancora rinnovato. Ciò significa che si è di fronte al classico bivio. La Juventus non può permettersi di perderlo a zero, ma alla Continassa ancora grava qualche dubbio su di lui. Il direttore sportivo Cristiano Giuntoli, secondo le voci che arrivano dal capoluogo piemontese, non sarebbe pienamente convinto della continuità di rendimento del calciatore. Non si ragiona in termini di minutaggio, ma di prestazioni, considerate ancore lontane dal periodo precedente all’ infortunio  comunque quanto basta per spingere la società a riflettere prima di sottoporre al giocatore un prolungamento.

Un ritocco al ribasso? Se ne deve parlare

Chiesa, fra l’altro, guadagna qualcosa come cinque milioni di euro l’anno, un tetto molto alto, forse troppo, per la politica di Giuntoli che sta cercando di spalmare o liberarsi degli ingaggi più onerosi. In questo senso, la situazione è in stallo come ammesso dallo stesso Chiesa.  “Il mio rinnovo non è legato a questa vittoria, devo ancora parlare del futuro. Io spiegherò il mio punto di vista, la società il suo e vedremo di trovare un accordo. Il mio pensiero è di rimanere perché voglio riportare la Juventus dove merita. Sono felice perché adesso è il momento di prenderci anche qualche rivincita in campionato”.

Le alternative: tre big sul calciatore

Federico Chiesa Finale Coppa Italia
Immagine | Ansa

Se i discorsi non si risolveranno con la classica fumata bianca, Chiesa finirà immediatamente sul mercato. Del resto le alternative non gli mancano, né in Italia né all’estero e un buon Europeo in Germania potrebbe contribuire a far lievitare ulteriormente il costo del cartellino. Il calciatore, non è un mistero, è un pallino di Daniele De Rossi che farebbe carte false pur di averlo a Roma. Identifica in lui l’esterno di spina e gamba che potrebbe essere inserito nel motore giallorosso per aumentarne i giri. Anche all’estero gli estimatori non mancano: Chiesa ha il fisico e l’intensità per giocare in Premier League e in questo senso ci sono stati già dei sondaggi da parte di Liverpool e Newcastle. Anche il Bayern Monaco, che potrebbe presto cambiare pelle e interpreti, è una possibile destinazione. Insomma, situazione quanto mai fluida…

 

Impostazioni privacy