Otto giornate dopo (considerando anche l’ultima gara della scorsa stagione) il Mainz torna a conquistare i tre punti e lo ha fatto in casa del Friburgo, squadra completamente diversa da quella capace di sfiorare l’Europa League solo pochi mesi fa. Successo fondamentale per i ragazzi di Lichte a cui serviva come il pane mettere in movimento una classifica decisamente negativa. Sapremo solo nelle prossime settimane se quello di ieri sia stato il match della svolta ma, nel frattempo, è arrivata una boccata d’ossigeno che potrebbe rivelarsi fondamentale per il proseguo della stagione.

Mainz, punto di svolta

Quarantacinque minuti per provare a cambiare un destino che, anche a livello statistico (nessuna squadra è riuscita a salvarsi dopo aver perso le prime sei partite di fila), sembra già segnato. Il Mainz, però, non vuole mollare e nelle ultime due giornate ha dato dei primi segnali di ripresa: tre goal subiti, rispetto ai diciotto delle prime sei, e cinque realizzati grazie soprattutto a Mateta. L’attaccante francese, seconda tripletta al Friburgo dopo quella realizzata il cinque aprile 2019, ha dimostrato di essere il giocatore più importante per il club. E questo paradossalmente potrebbe essere un problema: il Mainz, infatti, ha segnato dieci gol in otto giornate e, di questi, sette arrivano dal numero nove. Un dato da risolvere il prima possibile perché, per raggiungere la salvezza, serve che anche Quaison e Boetius trovino in fretta la miglior condizione possibile.

Oltre all’aspetto offensivo Lichte deve lavorare anche sulla difesa, la seconda più battuta della Bundesliga con ventuno gol. Il passaggio a tre può rappresentare una valida soluzione considerando anche l’apporto dei due esterni in fase di copertura. Una scelta che contro il Friburgo ha dato i suoi frutti ma, per capire se potrà essere definitiva, saranno necessari altri test.

Un calendario sostenibile 

Calendario alla mano il Mainz ha una grande possibilità. Le sfide contro Hoffenheim, Arminia, Colonia, Hertha e Werder sono appuntamenti non impossibili e in cui i ragazzi di Lichte devono cercare di ottenere almeno dieci punti per arrivare alla sosta natalizia con una classifica diversa da quella attuale. Cinque partite dove i Nullfünfer dovranno cambiare la storia del proprio campionato e iniziare a costruire la salvezza.