La Super Lig resta incerta, nonostante qualche formazione tenti la fuga fallendo miseramente: nell’ultima giornata si bloccano le prime tre della classifica e su di loro recupera terreno il Besiktas, guidato da un Aboubakar in grande spolvero. L’ex attaccante del Porto, dopo un avvio sottotono, ha iniziato a segnare con una frequenza impressionante, fino a diventare il capocannoniere della competizione con 10 partite disputate su 12.

ABOUBAKAR, L’ATTACCANTE CHE MANCAVA AL BESIKTAS PER IL TITOLO

In Turchia, il campionato resta più aperto che mai, soprattutto a causa dell’assenza di Basaksehir e Trabzonspor che hanno dominato la scorsa stagione e che stanno faticando, più del previsto, per tornare protagoniste. La parte alta della classifica se la stanno contendendo Fenerbahce, Galatasaray e la sorpresa Alanyaspor: tutte e tre hanno incassato un brusco ko nell’ultimo weekend di Super Lig con il Besiktas pronto ad approfittarne e ad accorciare le distanze. I bianconeri sono a -4 dalla vetta con una partita in meno, poichè la competizione turca, quest’anno, è a 21 squadre.

A trascinare la formazione di Istanbul è Aboubakar, vecchia conoscenza del Porto che, a 28 anni, ha deciso di cambiare aria e di rimettersi in gioco per essere ancora titolare e decisivo. Il suo arrivo in Turchia non è stato eccezionale, con qualche difficoltà iniziale dovuta ad un fattore di ambientamento. Negli ultimi due mesi è letteralmente esploso per quello che riguarda la finalizzazione con ben 7 marcature in 5 partite, dove ha sempre firmato il taccuino dei marcatori: proprio nell’ultimo match la doppietta che ha permesso al Besiktas di battere per 4-0 il fanalino di coda Erzurum BB. La punta si è svegliata nelle qualificazioni per la Coppa d’Africa 2022 con 3 sigilli nella doppia sfida con il Mozambico che hanno fruttato 6 punti per il suo Camerun, già qualificato come primo con due giornate d’anticipo. Da quel momento in poi, Aboubakar non si è più fermato contribuendo a 4 vittorie e ad un solo ko del club che lo ha tesserato questa estate.

Le otto reti totali in Super Lig gli hanno permesso di scalare la classifica marcatori che, adesso, lo vede in vetta con due lunghezze di vantaggio su Davidson dell’Alanyaspor. Le doti dell’attaccante le conosciamo benissimo: forza fisica, conclusione potente e la capacità di attaccare la profondità in qualsiasi modo. Il ragazzo vuole restare protagonista del calcio europeo e vuole riportare il Besiktas a lottare sia per il titolo che in Europa con la qualificazione che è sfuggita nella scorsa stagione: al momento, entrambi gli obiettivi sono a portata di mano grazie al suo apporto. Ci si aspetta ancora tanto da lui e la possibilità di battere i 16 gol in campionato sono il vero traguardo: il record personale riguarda l’anno 2013-2014 quando vestiva la maglia del Lorient. Da quel momento in poi, Aboubakar si è solo avvicinato, sfiorando l’impresa con il Porto nel 2017-2018 fermandosi a quota 15. Nel 4-1-4-1 di Yalcin si trova alla perfezione, come terminale offensivo di una manovra verticale e dedita all’attacco: c’è ancora tanta strada da fare, ma l’attaccante è sicuramente uno degli acquisti più importanti dell’attuale Super Lig.