In Copa del Rey era il momento del Real Madrid; i ragazzi di Zidane ospitavano la Real Sociedad con l’obiettivo di accedere alla semifinale. Missione completamente fallita; al Bernabeu, infatti, è andato in scena un vero e proprio horror calcistico con la capolista della Liga demolita da un super Isak. L’attaccante svedese, con due goal e un assist, ha trascinato i suoi al turno successivo. Doppietta che permette al giocatore di diventare capocannoniere della competizione con sette reti. A nulla è servita la reazione nervosa dei padroni di casa nei minuti finali. Il Real Madrid esce dalla Copa e per Zidane continua l’incubo in questo torneo.

Zidane, maledetta Copa

Nella straordinaria carriera di Zidane sulla panchina del Real Madrid esiste un solo neo: la Copa del Rey, unico torneo che il tecnico francese non riesce a conquistare. Questa sera non è andata meglio a causa di una Real Sociedad brava ad aggredire una squadra che, prima di oggi aveva subito solo tre goal in otto gare considerando tutte le competizioni. Oggi i goal al passivo sono stati quattro, complice la non perfetta prestazione di Areola (soprattutto in occasione dell’uno a zero). Sconfitta pesante e inaspettata visto il momento che stava attraversando il Real. Uno dei motivi di questa eliminazione è da attribuire all’assenza di Casemiro; il centrocampista brasiliano è troppo importante per gli schemi di Zidane e oggi ne abbiamo avuto una chiara dimostrazione.

Real Sociedad, impresa compiuta

L’occasione avuta da Sergio Ramos poteva portare la gara ai supplementari e far crollare psicologicamente i ragazzi di Alguacil Barrenetxea; il destino ha voluto premiare la Real Sociedad in quella che è una vera e propria impresa. Il successo è arrivato grazie a Isak, autore di una prestazione sensazionale. L’attaccante classe 1999 si è preso la scena in uno degli stadi più importanti d’Europa.

Dopo l’Atletico, esce anche il Real. Serata da incubo per Zidane, l’ennesima in una competizione indigesta al tecnico francese