Il Feyenoord è attivissimo su mercato e rinnovi: dopo l’arrivo di Conteh e i rinnovi di Kokcu e Fer, piazza anche il colpo Bryan Linssen. L’ex Vitesse si è messo in mostra in questi anni andando sempre in doppia cifra grazie alla sua tecnica, progressione e facilità di dribbling. Tranne un’annata storta con il Groningen, il ragazzo ha contribuito con realizzazioni importanti, dimostrandosi un validissimo aiuto alla punta di riferimento.

L’ARRIVO DI LINSSEN E LA POSSIBILE PARTENZA DI BERGHUIS

Linssen è ormai un veterano in Eredivisie con i suoi 29 anni di età e una carriera professionistica che parte con il Venlo nel 2010-2011, con solo 5 presenze nella massima serie olandese dopo essere stato acquistato dal Maastricht. Con la maglia giallonera addosso si è pian piano conquistato un posto da titolare ed ha affinato la sua tecnica realizzativa, crescendo in modo esponenziale sotto porta: l’esperienza al VVV si chiuderà bene con la società che, dopo due anni di Eredivisie, ha rischiato di retrocedere ma scampò alla serie cadetta grazie ai playoff promozione.

Il ragazzo non è una vera e propria punta, ma è perfetto in 4-3-3 come laterale di destra o in un attacco a due come gregario dell’attaccante principale. Linssen regala ampiezza e spazio alla manovra, spesso arretra proprio per farsi servire più agevolmente: a bisogno di toccare tanti palloni per entrare perfettamente in gara. È dotato di velocità e tecnica che gli permettono di scattare sulla fascia e di scartare facilmente il suo avversario per puntare la porta o servire i compagni al centro dell’area. Il suo vizio del gol, dall’Heracles in poi, ha portato l’olandese ad una costante doppia cifra alla fine di ogni stagione.

Linssen Europa League

Fonte immagine: Paolo Bruno/Getty Images

Proprio con la permanza del Venlo, Linssen passa ai bianconeri di Almelo e successivamente ai biancoverdi di Groninga, confermandosi definitivamente nella massima divisione olandese. La sua carriera tocca il punto più alto nell’estate dell’estate del 2017 quando il Vitesse, di presidenza russa, decide di strapparlo alle forti richieste delle altre big olandesi. Qui, con Matavz, Rashica, Odegaard e successivamente Tannane ha trovato il posto perfetto in un tridente che ha sempre messo in difficoltà qualsiasi squadra. Le ottime prestazioni e l’affinità con i compagni, portarono la compagine ad approdare anche in Europa League, anche se l’avventura si concluse con l’eliminazione alla fase a gironi.

Dopo 3 anni ad Arnhem, il contratto non è stato rinnovato e il Feyenoord, in questa sessione di mercato, è riuscito ad aggiudicarselo e a portarlo alla corte di Advocaat. Un vero colpo per i Rotterdammers che vogliono rinascere dopo gli anni anonimi che hanno susseguito il fantastico titolo alzato con Van Bronckhorst. Linssen potrà dare alternative all’ex ct della nazionale olandese, prendendo un posto tra Haps o Berghuis, con quest’ultimo pronto a partire con un’offerta importante dopo il rifiuto alla proposta di prolungamento del contratto. Un innesto di esperienza, velocità, tecnica e gol del quale il Feyenoord aveva assolutamente bisogno. Un tassello che rinforzerà la rosa per la prossima Eredivisie, con un avviso chiaro ad Ajax, AZ e Psv: il prossimo anno, anche i biancorossi di Rotterdam saranno in lizza per il titolo.