Si parla di polveriera Psv, di una squadra allo sbando che deve essere completamente rivoluzionata dal dittatore Schmidt: tante parole ma fatti completamente diversi. La società di Eindhoven vince nuovamente grazie a delle ottime intuzioni dell’allenatore tedesco e all’ingenuità dell’Emmen che aveva tutte le carte in regola per strappare il pareggio e bloccare una big. Un’altra ottima gara di Madueke che va in rete dopo due assist contro il Groningen: salva i Boeren, nel finale inoltrato, Romero.

MADUEKE E ROMERO: IL PSV NON PERDE IL VIZIO DI VINCERE IN EXTREMIS

Anche sotto la guida di Faber e, precedentemente, di Van Bommel, il Psv aveva il vizio di chiudere e ribaltare i match in pieno recupero di secondo tempo. È accaduto di nuovo, questa volta con Schimdt che deve ringraziare l’argentino Romero, giunto ad Eindhoven nel 2018 ma mai preso realmente in considerazione da Van Bommel così da cederlo nuovamente in prestito al Velez. Il ragazzo, tornato a disposizione, è stato aggregato dall’allenatore tedesco in prima squadra per rivelarsi l’asso nella manica in una partita resa complicata da un enorme svariore del proprio estremo difensore.

Ma andiamo in ordine di fatti: il più importante e sicuramente il maggior sorriso per i Boeren è Madueke, il giovanissimo talento del vivaio che si è guadagnato una maglia da titolare. Il classe 2002 si era messo in mostra nel 3-1 contro il Groningen con due assist vincenti mentre, contro l’Emmen, ha siglato la sua prima realizzazione da professionista e in Eredivisie, peccato in un Philips Stadion completamente vuoto. Una intuzione di Schmidt che ha visto da subito l’ottimo potenziale del giovane talento: utilizzato sia come centrocampista offensivo che come seconda punta, Madueke sta regalando giocate ed inserimenti importanti che rendono imprevedibile la manovra del Psv. I padroni di casa sono in pieno controllo del match e, l’errore maggiore, è quello di non chiudere prima l’incontro. Tutto sembra andare per il verso giusto fino a quando Mvogo non commette uno svarione incredibile: il sostituto di Zoet liscia completamente lo stop su retropassaggio di un suo difensore. La palla lentamente si deposita in rete sotto lo sguardo sbalordito di tutti.

Schmidt tenta il tutto per tutto e toglie Gakpo per Romero all’89: all’argentino bastano 5 minuti per farsi trovare pronto e per siglare una di quelle marcature che può far decolarre definitivamente la tua carriera dopo tante difficoltà. Il Psv mette in cassaforte la seconda vittoria consecutiva e vola in testa alla classifica insieme a Vitesse ed Heerenveen restando a punteggio pieno e aspettando Ajax e Feyenoord. Il tecnico tedesco sta facendo un ottimo lavoro con una formazione che sta rispondendo bene alle sue richieste: da sottolineare l’ottimo impatto di Philipp Max che regala l’assist a Madueke per il momentaneo 1-0. Il suo arrivo ad Eindhoven era visto come un grande colpo e le premesse sono veramente buone. È solo l’inizio ma i Boeren sembrano completamente diversi dallo scorso anno e hanno delle ottime chance di giocarsi il titolo.