Notte di gran calcio al San Mamés, un gol di Ander Capa da all’Athletic Club l’illusione di avere la meglio sul Siviglia. Il terzino destro è abilissimo ad avventarsi sul tiro sbagliato di Yuri Berchiche e sfruttare la dormita clamorosa di Reguilon. L’esterno difensivo del Real si dimentica completamente dell’uomo dietro di sé e si concentra solo sul pallone offrendogli una chance troppo ghiotta per essere sbagliata. Dopo un’ora di gioco però Banega ristabilisce la parità con una pennellata perfetta su calcio di punizione. È il colpo che fa crollare i baschi. Pochi minuti dopo Munir è abilissimo a tuffarsi sul cross del solito Banega ed infilare di testa la sfera alle spalle di Unai Simon.

Con questo successo la formazione allenata da Lopetegui blinda nuovamente il quarto posto ristabilendo i sei punti di distacco dal Villarreal. Dopo la sconfitta con il Real arriva invece un altro stop per gli uomini di Garitano che ora vedono allontanarsi sempre di più la settima posizione, nonostante abbiano ancora il bonus della finale di Copa del Rey.

Munir ed il vizio del gol dalla panchina

Terza partita iniziata in panchina da quando è ripartita la Liga, terzo gol per Munir. Difficile fare meglio di così. L’ex Barcellona è diventato l’arma segreta del Siviglia di Lopetegui che quando è in difficoltà sa a chi affidarsi. È stato così stasera, con lo spagnolo che ha realizzato la rete della vittoria, ma lo è stato anche nelle altre due occasioni. Contro il Leganes è subentrato al 70′ ed ha chiuso la pratica dopo 10 minuti, a Villarreal è entrato ad inizio ripresa ed ha evitato la sconfitta agli andalusi.

Dopo un inizio di stagione con più bassi che alti finalmente Munir sembra aver trovato la chiave di volta. E lo ha fatto nel momento più opportuno. Per centrare il quarto posto il Siviglia dovrà contare anche sulle reti dei suoi attaccanti. Senza dimenticare che i bianco-rossi sono ancora in corsa in Europa League e, da veterani di questa competizione, faranno di tutto per arrivare fino in fondo.