Inizia il 2021, l’anno della rinascita e della ripartenza per molti. Sul piano sportivo e calcistico veniamo da un anno difficile, diviso tra un periodo di lunga pausa e uno di grande frenesia all’interno di stadi senza il pubblico. Dopo tutto questo contesto difficile la voglia di tornare a vedere le cose circondate da una grande normalità è forte e per questo abbiamo stilato una lista delle ventuno cose più attese per il 2021.

Ventuno cose calcistiche attesissime per il 2021

 

  1. L’Europeo 2021. Uno degli eventi più belli che non si è potuto disputare nello scorso anno, è sicuramente il torneo calcistico più atteso dell’anno, con la speranza che a giugno si possa tornare negli stadi, anche perché l’Italia giocherà le prime tre partite a Roma.
  2. La Nations League in Italia. Perché vedere l’Italia tra le grandi nazionali d’Europa è sempre un’enorme soddisfazione, poterlo fare in casa ancora di più. Occasione importante per dare credito al calcio azzurro.
  3. Le Olimpiadi di Tokyo. Sul piano calcistico il torneo olimpico viene spesso considerato meno, ma è una grandissima occasione per riscrivere una grande pagina di sport. E poi al femminile sarà il torneo più importante dell’anno.
  4. La finale di Champions a Istanbul. Doveva essere la sede dello scorso anno ma il tutto è stato rinviato: l’ultima finale di Champions in Turchia è stata una delle più belle di sempre, per quanto mal ricordate dal pubblico milanista. Che sia all’altezza di tale spettacolo anche l’edizione di quest’anno?
  5. Euro U21. Un peccato che il primo Europeo U21 a 16 squadre della storia si debba giocare in due momenti differenti: fase a gironi a marzo, fase a eliminazione diretta a fine maggio. Ma sarà comunque un grande torneo, con l’Italia a caccia di un grande risultato nell’edizione ospitata da Slovenia e Ungheria.
  6. Futuro di Messi. Resta? Rimane? Dall’ultima intervista non ha fatto capire le sue intenzioni, anche perché probabilmente deciderà all’ultimo. Potrebbe essere l’anno del grande addio o quello che consolida la sua carriera con una maglia sola.
  7. La nuova era del Barcellona. E rimanendo in tema Barça, le elezioni saranno un punto cardine della storia blaugrana. Laporta sembra il favorito, ma che tipo di rivoluzione potrà portare?
  8. La finale di Copa del Rey, Athletic-Real Sociedad. Un derby è sempre un derby, ma se assegna una coppa vale molto di più: le squadre hanno rinunciato al piazzamento europeo pur di giocarla con i tifosi e forse parzialmente verranno accontentate. Sarà la più grande pagina di sempre del calcio basco.
  9. La volata Real-Atlético. Una Liga in bilico sulla città di Madrid: l’Atleti sembra favorito dalla classifica ma mai sottovalutare le seconde parti di stagione delle squadre di Zidane. Il campionato spagnolo è tutto da giocare.
  10. Liverpool contro chi? La Premier League più incerta che mai. Si cerca un’avversaria per la volata con un Liverpool lontano dal range dei 98 punti. Se fosse un testa a testa con i grandi rivali di sempre, il Manchester United o l’Everton, sarebbe un grandissimo spettacolo.
  11. Il ritorno di Boca-River. Il 2020 non ha avuto alcun Superclásico, mentre il ventuno avrà immediatamente una sfida tra Boca e River nella Copa Maradona. L’attesa è ovviamente tantissima.
  12. Prima finale di Libertadores al Maracanã. Siamo alla seconda edizione di Copa Libertadores con la finale in sede unica: l’anno scorso fu a Lima, quest’anno il prestigio aumenta con lo stadio più famoso del Sudamerica che sarà il teatro della finalissima.
  13. La Copa América. Il grande appuntamento col calcio sudamericano dell’anno è la Copa América: edizione divisa in due gironi da sei, uno in Colombia e uno in Argentina, con finale a Barranquilla. Arriverà il primo titolo continentale di Messi o toccherà rinviare ancora?
  14. La Uefa Conference League. Per molti non è una novità esaltante, ma sicuramente c’è curiosità di vedere cosa possa offrire questo nuovo torneo del calcio europeo. A fine estate prenderà il via la prima storica edizione del torneo.
  15. Il botto di mercato. Pur essendoci stati tanti problemi a livello economico sembrano maturi i tempi per una cessione di grande impatto. Sarà Mbappé? Håland? O magari Neymar? Tantissima attesa anche per capire cosa sconvolgerà l’estate di mercato”.
  16. Le qualificazioni Mondiali. Oltre ai grandi appuntamenti estivi parte anche il cammino verso il Mondiale 2022 per quanto riguarda il calcio europeo. L’Italia sembra inserita in un girone favorevole e dovrà sfruttare la sua crescita per tornare nel torneo iridato.
  17. Argentina-Brasile. Non sappiamo se si incontreranno in Copa América, ma sicuramente Argentina e Brasile si sfideranno due volte nel 2021: le qualificazioni mondiali prevedono l’andata al Maracanã il 30 marzo e il ritorno, probabilmente in un restaurato Monumental, il 16 novembre. Una partita imperdibile.
  18. Il nuovo allenatore del Psg. Sarà con ogni probabilità Mauricio Pochettino a raccogliere l’eredità di Tuchel, ma visto che non è stato ancora annunciato diventerà una notizia del 2021, e in ogni caso c’è grande curiosità per vederlo all’pera in una squadra così forte.
  19. Il ritorno di Allegri. Parlando di grandi allenatori questa è la seconda stagione in cui Massimiliano Allegri non ha una panchina e forse sta per arrivare il momento del suo ritorno.
  20. Vittoria di un’italiana in Europa League? Le squadre della Serie A non hanno mai vinto il torneo con l’attuale denominazione. L’Inter ha sfiorato il successo lo scorso anno ma in questa edizione ci sono tre squadre credibili per arrivare fino in fondo. Sarà la volta buona?
  21. Il ritorno del nostro calcio. Questo è il grande obiettivo del numero ventuno: tornare ad assistere alle partite senza obblighi e restrizioni, senza rischi e pericoli, dentro gli stadi e non solo da casa. Poter viaggiare e inseguire il calcio è sicuramente il traguardo a cui tutti auspichiamo.