Il Psv risorge mentre il Vitesse affossa: al Gelredome, i gialloneri sottolineano di essere entrati in una crisi pesantissima con tanti gol incassati e zero realizzati. I Boeren, invece, scacciano le critiche e ritrovano la loro cattiveria con 4 realizzazioni in KNVB Beker e 5 nella sfida contro il club di Arnhem. Schmidt sorride, vede la classifica e accorcia temporaneamente sull’Ajax che chiuderà il 22° turno affrontando il Twente.

VITESSE IN CADUTA LIBERA, PSV RESPIRA: 5-0 E FEYENOORD TENUTO A DISTANZA

L’inseguiento del Psv continua, soprattutto dopo gli scivoloni nelle ultime due gare: il ko contro AZ e Ajax ha fatto perdere terreno ai Boeren che si sono ripresi in questa settimana, tornando alla vittoria in un modo incredibile. Dopo il successo per 4-0 contro il N.A.C. Breda in KNVB Beker, i biancorossi si ripetono in Eredivisie rifilando un pesantissimo 5-0 al Vitesse, annientato a Gelredome. I gialloneri incassano il 3° ko consecutivo in 7 giorni con il secondo 5-0 in sole 72 ore. Letsch è in caduta libera con la classifica che si complica drasticamente e con la coppa nazionale abbandonata contro la formazione più forte d’Olanda: resta solo la Conference, l’unico torneo che può risollevare una stagione deludende dopo l’ottima partenza.

Il Psv si presenta ad Arnhem con la carica ricevuta dai quarti di KNVB Beker: il 4-0 al N.A.C. però, non poteva essere valutato come una vera e propria ripresa. Schmidt non fa calcoli, nonostante il Vitesse dimostri di avere tanti problemi in attacco e in difesa: formazione titolare e 3-0 dopo appena 45 minuti. Ad aprire le marcature è Zahavi, tornato nelle grazie del suo allenatore dopo aver smaltito un brutto infortunio: il suo recupero ha portato gol pesanti, soprattutto per sbloccare i match difficili. A seguire troviamo Mario Junior e Gakpo, autore anche dell’assist per il 2-0: il rinnovo ha fatto bene alla punta che viene valutata dai Boeren intorno ai 35 mln. In estate ci saranno squadre che vorranno portarlo via, ma il suo contratto lo legherà alla società di Eindhoven fino al 2026: il club è stato chiaro e non valuterà contropartite tecniche ma solo i soldi che verranno messi sul tavolo. Nella ripresa parte il turnover per i biancorossi con Schmidt che inserisce Doan e Carlos Vinicius: quest’ultimo, dopo appena 2 minuti, calerà il poker con il Benfica che continua a monitorarlo per capire se riportarlo a Lisbona a fine stagione. C’è gloria anche per il giapponese, in formissima sotto la gestione del tecnico tedesco: 5-0 con Veerman autore dell’assist.

Il Vitesse non ha saputo reagire neanche per un minuto allo strapotere del Psv: i gialloneri, solo 3 giorni prima, avevano incassato un altro pokerissimo dall’Ajax in coppa: se contiamo anche il ko della scorsa giornata di Eredivisie contro il Twente, in una settimana sono state incassate 13 marcature e ne sono state realizzate zero. Numeri horror per una formazione che era in piena corsa, almeno, per il quarto posto. La difesa è distratta e fa acqua da tutte le parti con un centrocampo scollato e un attacco inconcludente: il mercato invernale non ha rafforzato la rosa che, adesso, sta subendo un calo fisiologioco dopo essere stata impiegata costantemente su 3 competizioni. Tutt’altro discorso per il Psv che, dopo le numerose critiche, regala due ottime prestazioni giungendo in semifinale di coppa e strappando il primo successo in campionato dopo la ripresa dalla sosta per le nazionali: la rincorsa all’Ajax è apertissima anche se ci vorrà un miracolo per risorpassare i rivali. Al momento i punti dalla vetta restano 2, con gli ajacidi che hanno una partita in meno: il Feyenoord si allontana, ma anche i Rotterdammers devono ancora scendere in campo.