La Copa de la Liga Profesional, o Copa Binance com’è chiamata per esigenze di sponsor, sta giungendo al suo primo snodo: la fine della fase a gironi. Domenica, infatti, si giocherà l’ultima delle 14 giornate dei due macro-gruppi (Zona A e B) in cui le 28 squadre del campionato sono state suddivise e, come previsto dal format della competizione, le prime 4 di ogni raggruppamento saranno qualificate alla fase ad eliminazione diretta, un playoff con quarti di finale, semifinali e finale, tutti in gara secca.

A novanta minuti dal termine, molte squadre sono già fuori dai giochi, ma la lotta è comunque accesa in entrambe le zone, e saranno pochi i club che potranno affrontare l’ultima giornata senza pretese.

Zona A

Può succedere ancora di tutto, o quasi. Racing Club (29 punti) e River Plate (26) hanno la certezza di un posto nei quarti di finale, ma non della posizione in classifica: se i Millonarios agganciassero La Académia, infatti, sarebbero in testa per via della differenza reti maggiore. Domenica il Racing affronterà il San Lorenzo (10°), mentre il River se la vedrà con il Platense (12°).

La squadra diretta da Fernando Gago è stata la vera sorpresa di questa prima parte di Copa: dopo un 2021 chiuso tra le polemiche per il cattivo rendimento in campionato ed una qualificazione alla Copa Sudamericana agguantata all’ultima giornata, salutato l’idolo Lisandro López passato al Sarmiento e con tutti i punti interrogativi evidenziati dalla rosa nelle ultime stagioni fallimentari, sta raccogliendo i frutti della scelta della dirigenza di optare per la continuità.

L’ex tecnico dell’Aldosivi, infatti, ha saputo ridare solidità e coesione ad una squadra che, seppur provvista di valide individualità, nel post-Coudet era sempre sembrata raffazzonata. Il ritorno del veterano Gabriel Hauche e l’acquisto di Cardona hanno consentito di apportare un contributo in termini di personalità ed imprevedibilità, ed il clima più sereno ha consentito anche all’incostante Copetti, spesso al centro di polemiche per il rendimento altalenante, di segnare gol pesanti.

Alle spalle delle prime 2, invece, è lotta senza quartiere, con 5 squadre per 2 posti: al momento, le due posizioni utili per accedere ai playoff sono occupate da Newell’s Old Boys (23 punti) e Defensa y Justicia (22), ma alle loro spalle scalpitano Argentinos Juniors (22), Gimnasia La Plata (21) e Sarmiento (21), pronte ad approfittare di un passo falso.

Ad aumentare la tensione contribuisce il calendario, che mette di fronte nell’ultima giornata proprio Newell’s e Gimnasia, mentre il Defensa affronterà il Patronato (13°) ed il Sarmiento giocherà contro il Talleres (14°).

Zona B

Situazione più definita dall’altra parte del tabellone. Estudiantes e Boca Juniors, infatti, sono già certe della qualificazione e della posizione in classifica: 4 i punti che separano il Pincha (a quota 28) dagli Xeneizes (fermi a 24) con una sola partita da giocare.

Proprio il León di La Plata, sotto la conduzione di Ricardo Zielinski, ha completato la sua trasformazione da brutto anatroccolo in cigno in poco più di un anno. Il Ruso, infatti, ha raccolto ad inizio 2021 una squadra disastrata e, grazie al suo pragmatismo e ad un’idea di gioco semplice ma funzionale, l’ha portata a qualificarsi per la Copa Libertadores e a chiudere in testa il suo raggruppamento.

L’esperienza di Mariano Andújar in porta ed una difesa solida sono la base su cui l’Estudiantes sviluppa il 4-4-2 (e tutte le sue variazioni sul tema) dell’allenatore ex-Atlético Tucumán, che consente di essere coperti dietro ma pungenti davanti, grazie alle incursioni di Zapiola e Del Prete. In attacco poi, la solitudine del bomber Leandro Díaz è stata colmata dal ritorno a casa di Mauro Boselli, il cui contributo è stato fondamentale nonostante i 36 anni di età: già 10 gol per lui.

Per gli ultimi 2 posti, invece, è sfida a 3: Tigre e Aldosivi (entrambe a 20 punti), infatti, si vedono minacciate dall’Huracán, che con 18 punti è l’unica squadra che può riuscire a giocare un brutto tiro al Matador o al Tiburón, in caso inciampassero al fotofinish.

Il calendario della 14^ giornata sembra essere più agevole per Aldosivi e Huracán, che affrontano Arsenal (10°) ed Independiente (14°), mentre il Tigre ospiterà il Boca e dovrà cercare l’impresa, magari sperando che la conclamata simpatia di Juan Román Riquelme per la squadra della Zona Norte di Buenos Aires porti bene.

 

Giacomo CobianchiFútbol Argentino Italia