Un brutto ritorno in campionato: Ajax e Psv rallentano e lasciano strada all’AZ Alkmaar, terzo incomodo e primo davanti a tutti. Il sorpasso sulle big è avvenuto grazie all’Eagles, capace di pareggiare con gli ajacidi e per merito del Cambuur, a valanga contro dei Boeren irriconoscibili e molto, ma molto scarichi. Il passo falso ci può stare, visti i tanti nazionali per entrambe le formazioni, impegnate in settimana anche in Champions ed Europa League. Peggio va a Van Nistelrooij che non può permettersi di non approfittare dei passi falsi dei campioni d’Olanda: i biancorossi di Amsterdam tendono a rallentare ma bisogna essere lesti a non farsi sfuggire le rare occasioni concesse.

L’AJAX PAREGGIA E IL PSV PERDE: TRA I DUE LITIGANTI GODE L’AZ

L’Eredivisie riparte subito con due sorprese: l’Ajax che pareggia e il Psv che perde. In tutto questo, l’AZ stravince e vola in testa alla classifica, guardando tutti dall’alto verso il basso: manca all’appello il Feyenoord di Slot, impegnato in questa domenica contro il N.E.C. a Nimega. Con i 3 punti anche i Rotterdammers rientrerebbero nella lotta per il titolo, agganciando gli ajacidi in seconda posizione.

Ajax Eagles
Photo by VINCENT JANNINK/ANP/AFP via Getty Images

Partiamo proprio dai biancorossi che, questa estate, hanno rivoluzionato totalmente la rosa, facendo partire tutti i pezzi più pregiati: l’ultimo è stato Antony, ma era impossibile rinunciare a 100 mln sborsati dal Manchester United, soprattutto in questi tempi di crisi. Alla Johan Cruijff Arena, però, il vero protagonista è l’Eagles, capace di frenare gli inarrestabili campioni d’Olanda: tutto stava andando secondo i piani con l’1-o di Klaassen in chiusura di primo tempo e il minimo sforzo per il massimo risultato. Nella ripresa, però, qualcosa si inceppa: l’Ajax non riesce a chiudere la gara, si divora occasioni e cede al contropiede degli avversari. A 10 dalla fine, ci pensa Willumsson a pareggiare i conti, lesto nel mettere in rete l’assist di Stokkers. Una frenata, tra le mura amiche che non è stata digerita bene da Schreuder, contento della prestazione ma deluso dall’atteggiamento dei padroni di casa, poco cattivi nell’uccidere la preda ferita. L’Eagles, invece, strappa un punto fondamentale per la salvezza e sul più difficile campo di tutta l’Eredivisie.

Cambuur
Photo by OLAF KRAAK/ANP/AFP via Getty Images

E mentre l’Ajax frena, il Psv non approfitta del regalo e crolla a Cambuur per 3-0: un ritorno in campionato da dimenticare per Van Nistelrooij che ritrova i suoi ragazzi scarichi, poco compatti ma, soprattutto, esausti mentalmente, forse distratti dall’importante partita di giovedì in Europa League. Un calo di concentrazione che costa tanto, soprattutto per la rincorsa al titolo dove i campioni d’Olanda concedono sempre poco per ipotetiche rimonte. In più, oltre il danno, arriva la beffa dell’AZ Alkmaar che balza in testa alla classifica e si candita ad outsider per il successo finale. Al Cambuur Stadion ha girato tutto per il verso giusto ai padroni di casa che sono riusciti a non subire gol nella prima frazione di gioco, dove i Boeren hanno letteralmente dominato. Nella ripresa, il gol di Van der Water ha spaccato totalmente il match e ha mandato nell’oblio il Psv che si è scretolato sotto la ferocia avversaria: il raddoppio è stato di Paulissen mentre il tris, al 90′, porta la firma di Wermeskerken. Un tris che fa male al morale, alla classifica e alla convinzione di una squadra che si dovrà subito ritrovare per non compromettere anche l’avventura europea.