A uno sguardo poco attento, lo 0-3 dello Stade de la Beaujoire può suonare come ‘il solito dominio del PSG contro il malcapitato Nantes’. In realtà, non è stato certo il miglior PSG della stagione se pensiamo al ‘liscio’ a porta vuota di Moses Simon che non ha raccolto il massimo dall’ottima iniziativa di Kolo Muani sulla destra sbagliando a porta vuota il gol del vantaggio. Lo stesso attaccante del ’98 ha avuto l’occasione di piazzare sul secondo palo il piattone dell’1-0 e il rigore parato da Keylor Navas a Bamba dopo il raddoppio di Mbappé ha chiuso ogni discorso.

Mbappé

Photo by SEBASTIEN SALOM-GOMIS/AFP via Getty Images.

 

Soffermandoci su Kylian Mbappé, è stato ancora una volta l’ex Monaco a togliere le castagne dal fuoco per i parigini. Suo l’assist per Ander Herrera per il gol dell’1-0 con tanto di doppio passo su Castelletto che gli ha creato lo spazio per il passaggio mancino concluso magistralmente dall’accorrente centrocampista spagnolo. Ha fatto dimenticare i primi 45′ di pericolo con una ripresa che ha risvegliato il dormiente PSG come da tradizione Halloweenesca. La difesa del Nantes ha perso colpi minuto dopo minuto e il duello Mbappé-Castelletto apre sempre di più la forbice tra l’efficacia dell’attacco parigino e quello della difesa canarina. Il fallo da rigore è al limite di regolamento, ma il numero 21 dei padroni di casa cade ingenuamente nella trappola di Mbappé che non fa nulla per evitare la caduta in area.

Mbappé con gol e assist porta i suoi sul 2-0 in una partita complicata anche dalle tante assenze. Da Neymar a Icardi passando per Di Maria, il lungodegente Bernat, Paredes, Verratti e Draxler: ben 4 i giovani portati in panchina da Tuchel con Ruiz e Fadiga entrati in campo per dare il cambio a Moise Kean e Mbappé. Servivano i colpi della stella di questa squadra e non si sono fatti attendere nel momento del bisogno.

 

Mbappé

Photo by SEBASTIEN SALOM-GOMIS/AFP via Getty Images.

 

Il 3-0 finale, arrotondato dal pallonetto di Sarabia sulla dormita di Abeid sul passaggio di Louza, riporta il Paris Saint-Germain al primo posto con il Lille che per mantenere il passo di Tuchel deve vincere in casa contro il sempre ostico Lione nel posticipo di questa sera. Il Rennes, vincente contro il Brest per 2-1 con le reti dei due centrali di difesa – Da Silva e Aguérd – e il Marsiglia, che dovrà recuperare la sfida contro il Lens, inseguono, ma i parigini sembrano ormai aver trovato la strada. In caso di caduta del Lille, il PSG potrebbe finalmente dipendere soltanto dai suoi risultati e sappiamo che cosa significa questo per il campionato…