La fase finale della Copa Libertadores prende forma: questa notte a Luque è stato sorteggiato il tabellone che comprende sia gli accoppiamenti per gli ottavi di finale, sia il percorso che tute le squadre dovranno effettuare da qui alla doppia finale di novembre. Andiamo a scoprire il verdetto delle urne.

Copa Libertadores: gli ottavi di finale

Nel primo anno di sorteggio degli ottavi di finale le urne vanno a favorire le prime classificate dei gironi: al di là delle sorprese della prima fase non sembrano esserci sorteggi impossibili per le grandi favorite e anche il fatto di giocare a larga distanza dall’ultima partita della fase a gruppi è un vantaggio per far svanire il momento di forma di chi ha stupito in partenza.

Al River Plate tocca il Guaranì. Sorteggio fortunato e di buon auspicio visto che sarà una replica della semifinale dell’edizione 2015: allora i Millionarios vinsero per 3-1 nel globale e si classificarono per la finale poi vinta contro i Tigres. Quest’anno il compito dovrebbe essere ancora più semplice visto che i paraguayani hanno qualcosa in meno soprattutto in attacco però la doppia sfida giocata nell’arco di un mese è apertissima a sorprese.

Sfida interessante tra Atletico Mineiro e Jorge Wilstermann: il Galo sta andando malissimo nel Brasileirao ma parte favorito contro la sorpresa boliviana. Riscatto o conferma?

Per il San Lorenzo invece c’è l’Emelec: il Ciclon sta investendo in questa Libertadores e avrà davanti a sé un avversario fortissimo in casa. Qui il fattore campo sarà decisivo ma gli electricos nel girone con il River si sono dimostrati una squadra sì esperta ma meno potente rispetto alle ultime edizioni.

Per il Lanus c’è l’ostacolo The Strongest. Qui si testerà la vera forza della corazzata boliviana, in grado di stupire tutti nel girone. Forse per il granate sorteggio peggiore non ci poteva essere. 3600 metri di dislivello tra Buenos Aires e La Paz.

Sfida tutta brasiliana tra Santos e Atletico Paranaense. Il Peixe parte favorito a causa di un avvio disastroso di Brasileirao da parte del Paranaense che attualmente è ultimo in campionato. Interessante la sfida tra veterani come Ricardo Oliveira e Lucho Gonzalez.

La Copa Libertadores è stata crudele con il Palmeiras che va a prendere la più insidiosa delle seconde, il Barcelona de Guayaquil. Forse la pausa potrebbe essere un grande ostacolo per condizione fisica e morale degli ecuadoriani ma la forza di questa squadra nel Gruppo A è stata impressionante. Al Verdao servirà una grande prestazione per affossare la più grande rivelazione dei gironi.

La partita più equilibrata è quella tra Botafogo e Nacional. La Estrelha Solitaria ha un enorme vantaggio: qualora andasse ai calci di rigore ha un autentica saracinesca come il Gatito Fernandez tra i pali. Al di là della questione del pareggio la gara sarà molto equilibrata e al Nacional tocca anche quest’anno tirare su le sorti del calcio uruguayano.

Chiude il tabellone Gremio-Godoy Cruz. I brasiliani sembrano essere una vera squadra vincente: sono partiti fortissimo in tutte le competizioni e adesso vogliono consacrarsi. Riuscirà la buona squadra di Mendoza ad arginare la forza dei ragazzi di Renato Portaluppi?

Il tabellone

Ecco riassunto il tabellone degli ottavi di finale.

River Plate-Guaranì
Atletico Mineiro-Jorge Wilstermann

San Lorenzo-Emelec
Lanus-The Strongest

Santos-Atletico Paranaense
Palmeiras-Barcelona Guayaquil

Botafogo-Nacional
Gremio-Godoy Cruz.

Andata a partire dal 5 luglio. Ritorno dal 9 agosto.