La Supercoppa Europea sarà ricordata come il match che ha riportato, in numero limitato, i tifosi allo stadio; sul campo, alla Puskás Aréna di Budapest, si sono affrontate Bayern Monaco e Siviglia. I bavaresi, reduci da una stagione perfetta, cercavano il primo trofeo stagionale; stesso obiettivo per Ocampos e compagni dopo aver vinto l’Europa League contro l’Inter. Entrambe avevano voglia di cambiare una tradizione non proprio fortunata in Supercoppa. Sono serviti i supplementari (undicesima volta su quarantasei edizioni) per decretare un vincitore; ad alzare il trofeo sono stati i bavaresi grazie al colpo di testa di Javi Martinez. Il centrocampista è risultato decisivo come sette anni fa a quando, a Praga, permise ai suoi di portare la sfida con il Chelsea ai rigori. Vince il Bayern che conferma di essere la squadra più forte

Javi Martinez e l’ottimo rapporto con la Supercoppa

Javi Martinez

getty images

Dopo tre sconfitte consecutive il Bayern si porta a casa la seconda Supercoppa Europea della sua storia; decisivo, ancora una volta, Javi Martinez. Sette anni fa realizzò al centoventesimo la rete del due a due (poi i bavaresi vinsero dal dischetto) mentre questa sera ha trovato il goal decisivo alla fine del primo tempo supplementare. Un colpo di testa per allontanare le paure di un match complicato in cui il Siviglia è stato vicino a compiere il miracolo; En Nesyri, infatti, ha avuto sui piedi la palla della vittoria ma Neuer ha dimostrato, ancora una volta, di essere il numero uno.

Altro trofeo per Flick che, da quando si è seduto sulla panchina del Bayern, non ha sbagliato nulla; questa sera è stato anche fortunato nel fare il cambio perfetto nel momento più importante. Una sostituzione che il tecnico rischia di non poter più utilizzare; Javi Martinez, infatti, sembra ad un passo dalla cessione. Dopo la partenza di Thiago, rinunciare anche all’ex Bilbao (in grado di giocare sia in difesa sia a centrocampo) potrebbe non essere una mossa perfetta. In attesa di capire gli sviluppi del mercato ha regalato ai suoi la Supercoppa Europea, come sette anni fa.