“Non mi aspetto più che Volland e Havertz si allenino di nuovo con noi”; con queste parole il tecnico del Bayer Leverkusen, Bosz, ha fatto capire come i due giocatori siano lontani dal progetto del club tedesco. L’attaccante, infatti, sta per trasferirsi al Monaco mentre il baby fenomeno (che, come il collega Messi, non si è presentato ai test medici) è ad un passo dal Chelsea. Cessioni pesanti per una squadra con ambizioni importanti sia in Bundesliga sia a livello europeo dove sarà protagonista in Europa League. La prima mossa di mercato, per restare competitivi, si chiama Patrik Schick; l’attaccante è pronto a restare in Germania, dopo l’esperienza con il Lipsia, dove ha mostrato il suo valore.

Bayer Leverkusen, incognite sul futuro

Meno di tre settimane e la Bundesliga torna in campo; il Bayer Leverkusen sarà impegnato sul campo del Wolfsburg. Come si presentano le Aspirin alla ripresa della stagione? Al momento ci sono più dubbi che certezze considerando le imminenti cessioni di Havertz e Volland. Le parole di Bosz non lasciano spazio ad interpretazioni: “La nostra rosa non è ancora stata definita. Sicuramente dovremo acquistare dei giocatori”. L’arrivo di Schick non può bastare per mantenere il club a determinati livelli; sicuramente saranno responsabilizzati elementi come Wirtz, Diaby e Bailey ma, se si vuole essere protagonisti nel prossimo anno, serve un altro innesto. L’ex Roma, dopo l’esperienza con il Lipsia, è tornato a ottimi livelli ed è pronto a conquistare la BayArena; giocatore duttile, in grado di giocare sia da punta sia alle spalle dell’attaccante, è dotato di buona tecnica e un discreto senso del goal.

Se la questione numero nove può considerarsi risolta, discorso completamente diverso per il fantasista. Trovare un giocatore in grado di non far rimpiangere Havertz è praticamente impossibile; più semplice andare a rinforzare il reparto difensivo, vera e propria lacuna del club tedesco nell’ultima stagione.