Un derby ad alta tensione; Everton e Liverpool si affrontano, al rientro dalla pausa per le nazionali, in un match che può già dire tanto sul futuro delle due squadre. I ragazzi di Ancelotti, dopo uno straordinario avvio di Premier League con quattro vittorie consecutive e dodici goal realizzati, affrontano la sfida più importante per capire se possono essere una pretendente al titolo. Discorso leggermente diverso per i Reds che devono, obbligatoriamente, riscattare il pesante sette a due subito dall’Aston Villa nell’ultimo turno. Klopp inoltre ha bisogno dei tre punti per non perdere di vista il primo posto.

Everton, prova di maturità

Quattro vittorie consecutive, dodici goal fatti, cinque subiti e un Calvert-Lewin in forma strepitosa (con sei goal guida la classifica marcatori insieme a Son del Tottenham). Queste le premesse con cui l’Everton si presenta al derby più importante degli ultimi anni; contro il Liverpool, infatti, saranno i novanta minuti più importanti della stagione. Una sfida per capire le ambizioni di una squadra che, nelle prime uscite, ha mostrato un gioco efficace, bello esteticamente e ricco di soluzioni. Al momento l’Everton non sembra avere punti deboli e la sfida ai campioni in carica può rappresentare la definitiva conferma di cui i Toffees hanno bisogno per andare a conquistare la Premier

Liverpool, voglia di riscatto

Il sette a due subito sul campo dell’Aston Villa sarà una ferita difficilmente rimarginabile; il Liverpool, però, vuole sfruttare il ricordo di quella maledetta notte per ripartire e lasciarsi alle spalle quello che deve essere un semplice incidente di percorso. Uscire da Goodison Park con una vittoria non sarà per nulla semplice sia per l’assenza di Alisson (a abbiamo visto come Adrian non offra le giuste garanzie) sia per la forza dell’avversario. Le qualità dei Reds le conosciamo tutti e dopo questa sosta i ragazzi di Klopp vogliono tornare a dominare la Premier a partire dal derby con l’Everton, l’avversario al momento più complicato.