É passato poco più di un giorno dall’ufficialità di uno dei trasferimenti più importanti di sempre, quello di Cristiano Ronaldo alla Juventus, e già si capisce quanto sia popolare questo giocatore e quanto questa nuova avventura incuriosisca tutti gli appassionati di calcio. I telegiornali parlano di CR7 e, ovviamente, le trasmissioni sportive non possono che aprire con la notizia che ha esaltato a dismisura tutto il popolo juventino. In attesa di vedere cosa combinerà con la maglia bianconera, oggi voglio proporvi le 7 magie che Cristiano Ronaldo ha inventato con la maglia del Real Madrid. Sette vere e proprie opere d’arte del calcio che sono destinate a rimanere per sempre nella storia di questo meraviglioso sport.

Partiamo da un gol tanto bello quanto importante. Siamo nel primo tempo supplementare della finale di Copa del Rey della stagione 10/11, al 103esimo minuto Di Maria crossa dalla sinistra, sul secondo palo Cristiano Ronaldo sale letteralmente in cielo e scaraventa in porta il pallone con un colpo di testa portentoso, quel gol varrà il primo trofeo di CR7 con la maglia del Real.

Nella stagione 2011/2012 Cristiano Ronaldo realizza uno dei suoi gol più belli dalla lunga distanza. Il missile terra-aria che scaglia verso la porta dell’Osasuna è un vero e proprio capolavoro di potenza e precisione, CR7 ci avrebbe poi abituati a gesti simili.

Quello segnato contro il Rayo Vallecano, in una partita molto complicata per il Real, rientra nella categoria delle follie di CR7. Sul punteggio di 0-0 c’è un calcio d’angolo per i blancos, dopo qualche rimpallo la sfera arriva a Cristiano Ronaldo che, spalle alla porta, si inventa un tacco spettacolare che si insacca in rete, un gol decisivo perchè valse 3 punti.

Il quarto gol che vi propongo è un mix perfetto delle caratteristiche di Ronaldo. La sfida è contro il Galatasaray, il palcoscenico è la Champions League e CR7 è la star assoluta. Servito al limite dell’area il numero 7 prima salta un uomo rientrando sul destro con un doppio passo poi ne salta un altro con una finta di corpo rimettendosi il pallone sul sinistro, piede con cui spara in porta un vero e proprio bolide che si insacca all’angolino opposto.

Il Tomahawk è un missile da crociera imbarcato ma se parliamo di Cristiano Ronaldo è anche il soprannome che è stato dato alle sue punizione calciate di collo interno. In questa raccolta vi propongo il gol segnato al Marsiglia nella fase a gironi della Champions League, un vero e proprio missile telecomandato con la traiettoria che parte centrale per poi allargarsi prima di insaccarsi all’incrocio dei pali.

Supercoppa Spagnola 2017, il Real Madrid sta pareggiando 1-1 in casa del Barcellona nel match di andata. All’80esimo minuto Cristiano Ronaldo sfida Piqué sul lato sinistro dell’area di rigore, il fuoriclasse portoghese salta senza troppi affanni il difensore spagnolo prima di disegnare una traiettoria meravigliosa che si insacca alla sinistra di un incolpevole ter Stegen. Un gol splendido soprattutto se rapportato al fatto che si giocava in casa degli acerrimi rivali dei blancos.

Chiudo questa carrellata di gol e giocate meravigliose con quello che a detta di molti è il gol più bello realizzato da Cristiano Ronaldo in tutta la sua carriera. Allo Juventus Stadium si gioca l’andata dei quarti di finale della scorsa Champions League. Il Real conduce 1-0 grazie al gol, neanche a dirlo, di CR7 segnato dopo soli 3 minuti. Il momento clou della serata, però, deve ancora arrivare, siamo nel corso del secondo tempo, più precisamente al 64esimo minuto. Carvajal crossa un pallone dalla destra, Cristiano Ronaldo si coordina alla perfezione riuscendo a segnare un gol pazzesco in rovesciata, tutto lo stadio si alza in piedi ad applaudire il fuoriclasse portoghese, chissà che quell’affetto non sia stato determinante nella scelta di CR7 di giocare alla Juventus per le prossime quattro stagioni.