Il Barcellona torna da solo in vetta alla classifica grazie al 2-0 inflitto al Villarreal e al pareggio del Siviglia fermato sull’1-1 dalla sorpresa Alavés. Spreca una grande occasione l’Atletico Madrid che, non andando oltre il pari sul campo del Girona, vede i punti di distacco dalla capolista salire a 3. Bene il Real Madrid che nella serata di sabato si è imposto al Bernabéu con un netto 2-0 ai danni di un Valencia che fatica a trovare continuità di rendimento. Malissimo l’Athletic Club battuto 3-0 dal Levante con conseguente esonero di Berizzo, in classifica i baschi occupano la terzultima posizione a -3 dal Villarreal, altra grande delusione di questo inizio di Liga, quartultimo. Dopo un rapido recap di quanto visto nell’ultimo turno di Liga, andiamo a scoprire chi sono i tre protagonisti di un weekend davvero emozionante.

GUIDO CARRILLO (Leganés)

Battendo con un rocambolesco 4-2 il Real Valladolid in trasferta il Leganés porta a casa 3 punti preziosissimi per la corsa alla salvezza, ora il terzultimo posto occupato dall’Athletic Club è distante 5 punti. Il grande protagonista della sfida giocata al José Zorrilla è stato l’attaccante argentino Guido Carrillo. Il gol del momentaneo 1-2 siglato da Toni Villa aveva illuso i padroni di casa che però non avevano fatto i conti con Carrillo che tra il 66esimo e il 75esimo minuto ha trovato due gol fondamentali per chiudere definitivamente la partita. La punta in prestito dal Southampton gioca con regolarità e i risultati si vedono, sono infatti 5 i gol segnati in questa Liga, un bottino niente male per un giocatore che nella sua carriera non ha mai dato l’impressione di essere un bomber ma che al Leganés sembra aver trovato la dimensione giusta per esprimersi al meglio. I bianco blu sanno di poter contare su di lui per la corsa alla salvezza, finora i suoi gol sono stati sempre decisivi a parte quello segnato al Real Madrid nel match perso 4-1.

ROGER MARTÍ (Levante)

Se il Levante si trova in sesta posizione a soli due punti di distacco dal Real Madrid quinto lo deve soprattutto alla vena realizzativa di Roger Martí. Gli 8 gol segnati in 12 presenze di Liga rappresentano un numero importantissimo per un giocatore che sta letteralmente trascinando i suoi compagni verso le zone alte di classifica. Cresciuto nel settore giovanile del Valencia, Roger Martí è stato acquistato dal Levante nel luglio del 2011, da quel momento l’attaccante spagnolo ha girovagato in terra spagnola vestendo le maglie, in prestito, di Real Saragozza prima e Real Valladolid poi. Tornato al Levante nell’estate del 2016, Roger Martí ha guidato la squadra alla promozione in Liga con 22 gol segnati, nella stagione successiva però sono state solamente 17 le presenze in campionato condite da 3 gol. In questa stagione il numero 9 del Levante sembra aver ritrovato la vena realizzativa di due stagioni fa, insieme a José Luis Morales forma una coppia affiatatissima e i risultati fino ad ora si sono visti eccome.

JORGE MOLINA (Getafe)

36 anni e non sentirli, Jorge Molina sembra non invecchiare mai e in questo weekend di Liga è risultato ancora una volta decisivo per le sorti del suo Getafe. Nella complicata sfida interna contro un Espanyol in grande forma è stato proprio l’attaccante spagnolo ad aprire le danze con la rete dell’1-0, il match si concluderà poi con un netto 3-0 di un Getafe che vede lontana solamente di un punto la sesta posizione. Molina mette cosi a segno il suo quarto gol in questa Liga, un bottino niente male per un giocatore che anche quando non mette il suo cognome nel tabellino riesce comunque a risultare fondamentale con le sue giocate e con il suo carisma. Dopo aver trascorso gran parte della sua carriera al Betis, 77 gol in 212 presenze, Molina ha voluto mettersi in gioco in una piazza calda come quella del Getafe e i numeri fino ad ora sono assolutamente dalla sua parte visti i 33 gol conditi da 14 assist in 94 presenze.