Il Psv mette una serie ipoteca sull’Eredivisie espugnando di forza il De Kuip: la tana del Feyenoord viene violata dalla capolista che allunga nuovamente sull’Ajax in una giornata dove Cocu aveva tutto da perdere. Gli ajacidi inciampano in casa contro l’Ado den Haag e i Boeren vincono il big match del 25° turno, tornano a +7 sulla seconda e volando letteralmente verso il 24° titolo della sua storia. Van Bronckhorst viene travolto dalla furia di Eindhoven e non può far altro che guardare la sua compagine crollare sotto i colpi nemici: una prova di forza che manda un grande segnale al campionato, ma soprattutto a Ten Hag, avvisandolo che quest’anno non ci sono speranze di vittoria finale.

PSV TRASCINATO DA ARIAS, BERGWIJN E PEREIRO: PRIMATO SALTO E +7 SULL’AJAX

Questo Psv è una macchina perfetta che può inciampare una volta, ma che non regala più di un’incertezza agli avversari: nella domenica dove tutto poteva tornare in gioco, ci pensa Cocu a chiudere al 90% i conti per il titolo. Il club di Eindhoven espugna il De Kuip con una prestazione sopra le righe e con un’intensità che non lascia scampo agli avversari che possono solo star a guardare lo strapotere della capolista. Ad aprire le marcature è il terzino Arias alla seconda marcatura stagionale e alla seconda consecutiva: il ragazzo colombiano sembra aver preso gusto con il gol e gonfia nuovamente la rete per la gioia dei propri tifosi. Tutto viene regalato da un assist di Bergwijn che non si accontenta e regala anche il 2-0 per un primo tempo di domino Psv. Nella ripresa, nonostante Vilhena accorci le distanze, a chiudere i conti ci pensa Pereiro che sigla il tris e fa calare il sipario sull’incontro. 10° risultato utile consecutivo per i Boeren che tornano a +7 sull’Ajax, bloccato malamente dall’Ado den Haag all’Amsterdam Arena. L’attacco sigla il 65° gol stagionale, secondo ad un solo centro da quello dell’Ajax: Bergwijn si gode la sua sesta marcatura nel torneo insieme al 5° assist vincente per i compagni. Anche Pereiro può esultare per il suo 6° centro in campionato, raggiungendo proprio il compagno di squadra. Non si fa sentire la mancanza di Lozano, fuori per espulsione rimediata contro i frisoni: De Jong non punge, ma ci pensano gli altri uomini del reparto a portare a casa i 3 punti. Vittoria fondamentale per il titolo e, adesso, è veramente dura per l’Ajax che dovrà guardarsi anche dal ritorno dell’AZ.

Il Feyenoord disputa in casa la peggior partita stagionale: i Rotterdammers non riescono a replicare il miracolo dei quarti di KNVB Beker quando, con un 2-0, eliminarono il Psv ai quarti di finale. Cocu si vendica e mostra di aver imparato la lezione: travolgente la compagine di Eindhoven che non lascia scampo a dei padroni di casa senza idee, poco incisivi e soprattutto poco attenti. Rinunciare a combattere dopo il 2-0 è stato l’emblema di una stagione a bassissimi livelli, non all’altezza dei campioni d’Olanda in corsa solo per la coppa nazionale. Per Van Bronckhorst un altro schiaffo che fa malissimo e che fa traballare ulteriormente la panchina, già instabile a diverse giornate. Solo 6 punti in 5 partite, 3 ko e quarto posto che potrebbe svanire in caso di successo dell’Utrecht contro il Twente. Un momento nero, con la seconda miglior difesa che viene perforata per ben 3 volte, perdendo tutta la solidità guadagnata fin ora. L’attacco è sterile, con l’infortunio di Van Persie, e una possibile operazione di St. Juste aumentano i problemi dell’allenatore, chiamato a fronteggiare ulteriori avversità. Si chiude il 25° turno che potrebbe aver decretato i nuovi campioni d’Olanda.