La settima giornata di Bundesliga ci ha lasciato indicazioni non definitive ma sicuramente importanti: il Bayern Monaco fatica a prendere il comando, Lipsia e Dortmund hanno il difetto della continuità e in testa, a distanza di trentaquattro anni, troviamo il Borussia Monchengladbach. Numeri alla mano, però, abbiamo una squadra migliore delle Fohlen e si tratta del Wolfsburg. I ragazzi di Glasner non hanno ancora perso una partita e sono la miglior difesa della Bundesliga. I Wölfe al rientro dalla sosta avranno il primo test importante, in casa di un Lipsia in difficoltà; in attesa del match analizziamo i segreti di Mehmedi e compagni, seconda forza di Bundesliga.

Wolfsburg: ecco come nasce il secondo posto

Dopo sette giornate non si può parlare di sorpresa: il Wolfsburg è una solida realtà di questa Bundesliga e tutto parte dalla scorsa stagione quando la squadra chiuse al sesto posto qualificandosi per l’Europa League. L’impegno infrasettimanale non sta rallentando il cammino dei Wölfe che ora sognano in grande. Come nasce il secondo posto dei ragazzi di Glasner? La squadra si schiera in campo con un 3-4-3 estremamente duttile; a seconda degli avversari ma anche delle situazioni di gioco il modulo si può trasformare in un 3-5-2 o 4-4-2. Il cervello della squadra è Guilavogui da cui partono tutte le manovre offensive; non è un caso che i tre pareggi siano arrivati quando il giocatore, per esigenze di formazione, ha giocato da centrale difensivo. Fondamentali i due esterni di centrocampo a cui viene chiesto il doppio ruolo; dei due quello con un ruolo primario è William la cui duttilità permette a Glasner di passare al 4-4-2 senza perdere di efficacia. La molo di gioco della squadra viene finalizzata da Weghorst; l’attaccante dopo sette giornate, ha realizzato quattro goal (media umana rispetta all’extraterrestre Lewandowski già a quota undici). Giocatore dotato di grande forza fisica ma abile anche nel dialogo con i compagni. Mehmedi, BrekaloMalli sono i giocatori di qualità che hanno il compito di creare la superiorità numerica e inventare negli ultimi venticinque metri.

Il Wolfsburg è una squadra solida, con qualità e tanta voglia di migliorare il sesto posto della passata stagione. Dopo sette giornate lo possiamo dire: il Bayern, per alzare nuovamente il Meisterschale, dovrà faticare più del solito.