Dopo l’addio di F. de Jong e l’inadeguato impatto di Marin con il calcio olandese nel ruolo di centrocampista, Ten Hag ha dovuto trovare delle soluzioni per appoggiare nel modo giusto il leader Van de Beek sulla linea mediana. Dopo vari tentativi è stato promosso in prima squadra Gravenberch, gioiello diciassettenne delle giovanili del club. Il ragazzo si è presentato con personalità e carattere, lasciando il segno sia in Eredivisie che in KNVB Beker.

GRAVENBERCH: 17 ANNI, CARATTERE E GOL PER L’AJAX

Ryan Gravenberch nasce ad Amsterdam nel 2002 e dopo aver iniziato a giocare a calcio nel Zeeburgia viene visionato e aggregato alle giovanili dell’Ajax. Il club della capitale, come al suo solito, è sempre pronto ad aggiudicarsi i migliori talenti in circolazioni per poterli far crescere nel settore giovanile più prolifico d’Europa. Il ragazzo dimostra subito di avere delle doti fuori dal comune e una prestanza fisica importante nonostante la giovane età: con il passare del tempo affina molto la tecnica e il piede, rendendolo pericoloso soprattutto con i tiri da fuori area.

La sua fisicita unita alle sue doti tecniche ricorda molto Paul Pogba: il ruolo è quello di regista, in grado di partire in progressione per poi tentare la conclusione. Ha il vizio del gol che nella sua posizione è una dota ricercata ed apprezzata. Nel 2010 entra a far parte della società capitolina e nel 2018 passa di diritto nello Jong Ajax dove collezionerà 27 presenze e 2 realizzazioni. Gravenberch non passa in osservato e Ten Hag decide di farlo esordire a soli 16 anni in Eredivisie, regalandogli una presenza nella massima divisione olandese, battendo il record detenuto da Clarence Seedorf con la maglia ajacide. Nella stagione attuale, il tecnico privo di F. de Jong volato al Barcellona, decide di dargli una chance soprattutto dopo le difficoltà che Martinez e Marin hanno manifestato con gli schemi del tecnico. L’allenatore olandese decide di schierarlo con i giusti tempi e le sue prestazioni ripagano la fiducia: 2 realizzazioni in 9 occasioni.

Le sue caratteristiche e il suo impatto di carattere in una rosa come quella dell’Ajax ha fatto drizzare le antenne a diversi club europei, tra cui anche la Roma che ha iniziato a sondare il terreno per un possibile acquisto già nel mercato estivo. Gravenberch, il Pogba olandese, non a caso è stato messo nel mirino anche della Juventus che, tramite Raiola, vuole bruicare la concorrenza delle rivali per dare la possibilità a Pjanic di avere un ricambio all’altezza da poter far crescere con calma.

Il centrocampista ha anche il record di realizzatore più giovane dell’Ajax, altro primato strappato a Seedorf: un altro punto a favore per il ragazzo che a tutte le carte in regola per imporsi nel vecchio continente. Poche settimane fa ha avuto anche l’occasione di esordire in Europa League nel ritorno dei sedicesimi di finale con gli ajacidi vincenti per 2-1 contro il Getafe, risultato non sufficiente per superare il turno. Overmars non lo lascierà scappare facilemente, ma iniziamo ad abituarci a questo nome di cui si parlerà tanto in questo mercato estivo.